La dote di Maiorino: 10 goal per 15 punti

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Decimo goal in stagione per Maiorino (foto Penna)

Decimo goal in stagione per Maiorino (foto Penna)

Ancora il fattore M sulla strada del Sorrento.
A lasciare intatte le speranze di approdare almeno ai play-out ci pensa Maiorino.
Il funambolo tarantino piazza la botta a metà della prima frazione e mette in un angolo le quattro sconfitte consecutive.
In una settimana travagliata con tante parole e la testa che sarebbe voluta essere altrove, i costieri riescono nell’impresa a cui nessuno credeva.
Dopo la sconfitta contro l’Ischia è stata la Settimana santa delle dimissioni.
Dimissioni in blocco. Dirigenti e tifosi hanno manifestato apertamente la loro voglia di dire basta.
La risposta della squadra? Tre punti.
Tutti d’accordo? Forse. Le cose non cambiano. Il Sorrento è in vendita, D’Angelo vuole passare la mano, ma la squadra ha il compito di provare sino al termine della stagione a mantenere il professionismo.
Sarà stato un caso, ma Simonelli è riuscito a blindare la propria panchina almeno per un’altra settimana.
A garantire la permanenza in costiera del professore il più talentuoso dei suoi uomini: Maiorino.
Con la rete del Ianniello salgono a 10 le marcature per il prodotto del settore giovanile del Taranto.
10 reti per 15 punti. In pratica il Sorrento pende dal destro della sua mezzapunta.
Il peso specifico di Maiorino aumenta se a dargli manforte c’è Riccardo Innocenti. Uno splendido quarantenne che si è calato nella parte mettendoci, spirito ed esperienza.
Un traino per i più giovani, uno sprone per gli esperti.
La quadratura del cerchio sembra essere stata trovata. Il ritorno al sacrificato 4-4-2, dopo Tuttocuoio, ha dato i suoi frutti. Una squadra che gioca senza tanti fronzoli, bada al sodo e sa soffrire.
Il nuovo marchio di fabbrica del Sorrento nasce all’interno di uno spogliatoio che, dovesse mettere da parte le distrazioni, potrebbe ambire ad un piccolo miracolo sportivo. Si, perché la salvezza in penisola ed in certe condizioni è più un lontano miraggio che non una possibile realtà.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!