Real Vico e Manfredonia vanno in bianco

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

realvicoUn pareggio che fa morale, dà autostima e aumenta il numero delle gare senza sconfitte nella gestione Cioffi.
Il Real Vico riesce ad imbrigliare i pugliesi che recriminano per un presunto fallo di Schettino e su una conclusione di Carminati che ha fatto la barba al palo in pieno recupero.
Al centro tanto, tanto ritmo, poche occasioni e verticalizzazioni a gogo da parte dei padroni di casa.
Un gioco più lineare per gli ospiti, mentre gli azzurro oro cercano di sfruttare la velocità del pacchetto offensivo contro i corazzieri di Cinque.
La prima occasione capita sui piedi di Del Prete. Su azione d’angolo Apuzzo sbaglia il tempo dell’uscita, ma l’attaccante pugliese non trova lo specchio. Immediata la reazione dei padroni di casa. Iovine ci prova in rovesciata, pregevole il gesto tecnico, errata la mira.
Poi l’ex Sorrento, Gennaro Ferrara, colpisce la traversa.
Quando si allungano le due squadre ecco le occasioni.
In chiusura di tempo il match si ravviva. Mano sulla spalla di Schettino a La Porta, il numero 10 ospite va giù, ma Sartori lascia correre.
Chiusi 45 minuti in equilibrio la ripresa vede i costieri fallire con Iovene un rigore in movimento ed il Manfredonia mangiarsi le mani per la conclusione di Carminati in chiusura.

Real Vico Equense – Manfredonia 0-0
Real Vico Equense (4-3-3): Apuzzo 6; Lettieri 6, Melcarne 6, Schettino 6.5, Oriente 6; Biondi 5.5, Della Ventura 6 (7’st Di Ruocco 5.5), Ferrara 6; Iovene 5.5, Mascolo 5.5, Prisco 5. A disp.: Loffredo, Barone E., Vigorito,  Coppola, Esposito, Russo. All.: Cioffi 6
Manfredonia (4-2-3-1): De Gennaro 6; Coccia 6.5, Monti 6.5, Corbo 6.5, Palumbo 6; Romito 6.5, Gentile 6; Casciani 6, La Porta 5.5, Carminati 6.5; Del Prete 6.5. A disp.: Maggi, Rinaldi, Balestrieri, Quitadamo, Scarano, Stoppiello, Compierchio, D’Ambrosio. All.: Cinque 6.5
Arbitro: sig. Sartori di Este 5
Note: Spettatori 200 circa (50 da Manfredonia). Ammoniti: Palumbo, Monti, Romito, Del Prete, La Porta. Angoli: 4-4. Rec: 2’pt, 4’st

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!