Volley Serie D/M: Apd nuova capolista!

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Organico serie D dell'Apd Carotenuto S.Agnello

Organico serie D dell’Apd Carotenuto S.Agnello

S.Agnello – Nuova capolista per il girone A del campionato di serie D maschile campano. L’Apd Carotenuto S.Agnello  raggiunge la vetta della classifica scavalcando lo Sportinsieme Vitulano 3-1, nello scontro diretto tra le due corazzate.
Il big match è andato in scena domenica 9 febbraio presso la tendostruttura di viale dei Pini, colma di tifosi locali e ospiti.
Partenza fulminante per i costieri, incisivi in attacco e molto precisi a muro: 9-4. Il time-out avversario non basta,  tutto gira al meglio per i santanellesi. Gargiulo chiude il primo parziale con un ottimo attacco in diagonale: 25-18.
Esordio migliore per il Vitulano nel secondo parziale: 2-6. I giovani costieri tuttavia non mollano, riportandosi 9-8.  La battaglia continua punto a punto, fino al break Apd 23-19. L’esperta compagine avversaria riporta l’ago della bilancia sul 23-23.  Un errore al servizio ed un’invasione ospite regalano al S.Agnello il 25-23 e scatenano una delle prime polemiche del match.
La partita si infiamma nel terzo set. Il pubblico diventa molto rumoroso, ed a beneficiarne è l’esperto Vitulano. Quest’ultimo si aggiudica il 21-25, complici anche molti errori della squadra locale.
Mister Russo teme un calo e dona la giusta scossa ai suoi ragazzi, i quali rientrano in campo più agguerriti. Carotenuto mette giù palloni importanti, Denza aspira alla perfezione in difesa: 10-3. Gli animi sono ormai accesi in campo. Gli avversari mollano la presa ed il Sant’Agnello chiude i giochi 25-16.

Il coach Russo

Il coach Russo

Prima sconfitta per il Vitulano, undicesima vittoria su 12 match in casa Apd. Grande la soddisfazione del presidente Carotenuto e di una squadra giovanissima che può guardare lontano, grazie ad un percorso di crescita sotto gli occhi di tutti. Il merito spetta anche a tutto lo staff santanellese insieme a coach Russo. Quest’ultimo ci svela i retroscena della vittoria: “La preparazione di questa gara è iniziata 15 giorni fa. Devo dire che i ragazzi hanno messo in pratica tutto quello che abbiamo provato. Non abbiamo fatto una grande prova corale ma alla fine è il risultato quello che conta. Finalmente, da inizio anno, posso dire che siamo noi gli artefici del nostro destino e non dobbiamo sperare in qualche passo falso avversario. Fra tre settimane ci aspetta il Poggiomarino fuori casa, il banco di prova per capire se possiamo vincere questo campionato oppure dobbiamo accontentarci di fare la voce grossa in casa. Domenica ci aspetta l’atellana bisognosa di punti per la salvezza ma ora abbiamo iniziato a correre e non possiamo e soprattutto non vogliamo fermarci”.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!