Sorrento si rivedono gli spettri

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Polizzi vede la palla in fondo al sacco. E' la rete di Orlando che sancisce l'ottava sconfitta per il Sorrento in casa (foto Penna)

Polizzi vede la palla in fondo al sacco. E’ la rete di Orlando che sancisce l’ottava sconfitta per il Sorrento in casa (foto Penna)

Il Sorrento fa come il gambero.
La truppa di Simonelli opta per un deciso passo indietro in prestazione e risultati e si inguaia in un colpo solo dopo il secondo ko consecutivo.
All’orizzonte c’è la Casertana e la spasmodica ricerca di quella squadra che fu contro il Cosenza.
Abulico, mai in partita se si stralciano le due occasioni capitate sui piedi di Musetti, l’undici costiero viene punito da una rete di Orlando al dodicesimo della prima frazione.
Nessuna trasformazione in corso.
Il canovaccio della partita è lento e tortuoso. Passaggi sbagliati, lanci imprecisi, mancanza di determinazione quasi si fosse in campo per onor di firma.
Una versione della squadra che andò ko con il Martina in salsa meno piccante, ma molto acre.
La sveglia ai rossoneri, sembra impossibile, la danno due classe ’94. Canotto e Lalli su tutti, il pizzico di pepe lo mette Lettieri (93), ma la minestra riscaldata non porta sollievo.
Di Costanzo l’ha studiata bene. Pungere sugli esterni dove si evidenzia la pessima giornata di Pantano e D’Anna. Sorrento quasi a corto di fiato, con Catania ectoplasmatico che latita per il campo.
Se la barca sbanda e inizia a fare acqua non è solo il comandante a non guidarla sulla rotta giusta, ma anche i marinai a issare le vele per prendere il vento buono.
Tutti sotto accusa.
A parlare come giudice a cui è impossibile appellarsi è il campo. L’Italia è violato per l’ottava volta in stagione, ma a far preoccupare più di una graduatoria imbarazzante è la mancanza di un’anima di un gruppo che starà anche bene insieme, ma pecca di personalità.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!