Atleta del mese : Alfredo Norvello “una pista per la penisola sorrentina”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Alfredo Norvello (in casacca gialla)

Alfredo Norvello (in casacca gialla)

alfredo norvello piccolo

Alfredo Norvello (11 anni)

Alfredo Norvello , classe 1967, elettricista, sposato con figli, scorazza a bordo della sua Vespa PX anni 80, mi raggiunge nel bar della sua Seiano. Gli avevo chiesto un’intervista,  ma è diventato subito una piacevole conversazione tra amici.
Alfredo inizia a correre, sull’asfalto delle strade vicane già dall’età di 11 anni,  con il “Club Napoli “ di Vico Equense; inizia con il mezzofondo e già i risultati si  vedono, con partecipazioni e risultati a gare di rilievo nazionale. Sono, quelli gli anni in cui la pista della città, ovvero la  “Raffaele Bosco”, ahimè… aperta al transito di automobili, autobus, e camion, specialmente nelle ore serali,  diventa la palestra di sciami di ragazzi che si appassionano all’atletica. Seppure tra l’ indifferenza delle istituzioni e la mancanza di una pista degna di questo nome, nasceranno miracolosamente dei talenti  come Maria Guida

Maria Guida, campionessa europea 10.000 metri

Maria Guida, campionessa europea 10.000 metri

(campionessa europea 10.000 metri), Giovanni D’Urso (campione italiano corsa campestre), Anna Savarese (campionessa italiana marcia),   Eugenio Coppola (campione italiano 3000 siepi cat.allievi), ed altri con risultati di assoluto rilievo a livello nazionale, come Mario Capozzi, Michele Volpe, Antonino Di Palma, Antonino Di Martino, Luigi Apuzzo e tanti altri.
Tra di essi,  probabilmente l’unico rimasto in attività, è proprio Alfredo Norvello.
“Esattamente come da ragazzo, anche oggi, mi alleno almeno una volta al giorno, e sempre sull’asfalto della statale sorrentina. La mia media giornaliera è di almeno 15 km , e continuerò ancora, per ora, a tempo indeterminato”
Alfredo ha raggiunto il suo apogeo sportivo il 27 ottobre 2013 a Porto Alegre (Brasile), dove arriva tra i favoriti, e con il tempo di 2h39m30s .  diventa campione mondiale Master 45 di maratona.
“Posso coltivare questa mia grande passione, soprattutto grazie agli sponsor che mi supportano nelle mie imprese, in questo caso PIZZA A METRO e MOON VALLEY HOTEL.” Partecipare, rappresentando l’Italia, nelle più importanti maratone del mondo, ha ovviamente un costo, e praticamente nessun contributo da parte  di istituzioni o della stessa Federatletica: New York, Boston, Londra, Tokio, Numea (Nuova Caledonia), Pune (India), solo per citarne alcune. Proprio a Londra nel 1997 Alfredo Norvello stabilisce la sua migliore prestazione: 2h16m15s attualmente ancora tra i migliori tempi assoluti a livello nazionale.

convegno norvello

la locandina del convegno promosso da Alfredo Norvello

“Mi sto preparando per i  prossimi appuntamenti: a breve termine, il 30 marzo prossimo, i campionati mondiali di mezza maratona, dove sono stato invitato dalla stessa IAAF in virtù proprio della vittoria di Porto Alegre”
Alfredo ha voluto fortemente  il convegno tenutosi nei locali della SS. Trinità , proprio ieri: “ Per la mia vittoria, non ho voluto premi o cose del genere. Al loro posto ho chiesto espressamente un incontro tra le  istituzioni , per promuovere l’idea di una “pista stradale” da Castellammare a Massalubrense. La cosa sarebbe fattibile, proprio con l’apertura della nuova galleria, liberando il tracciato litoraneo dall’intenso traffico, ed a costi contenuti. Anche se l’ideale rimane una pista di atletica vera e propria. In penisola sorrentina non esiste alcun impianto del genere, nonostante l’enorme bacino di utenza e le molte società sportive. La pista più vicina è a Scafati, cosicchè gli appassionati sono costretti ad allenarsi sulle strade, e a loro rischio e pericolo”.

Una persona speciale Alfredo Norvello, elettricista, 47 anni, campione del mondo Master di maratona.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



2 thoughts on “Atleta del mese : Alfredo Norvello “una pista per la penisola sorrentina”

  1. Stella

    Un bellissimo articolo che con entusiasmo e una prosa semplice e scorrevole, piacevolissima nella lettura, racconta la storia di un nostro campione, Alfredo Norvello, e allo stesso tempo pone in risalto le difficoltà che lui ed altri atleti devono affrontare in un luogo, la nostra penisola, che non offre le strutture adatte per molte discipline sportive. Mi auguro che le istituzioni si adoperino affinché le cose cambino e non ci si debba allenare per strada con il pericolo costante di essere investiti e respirando a pieni polmoni le esalazioni dei tubi di scappamento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!