Sant’Agnello, Guarracino:”Partiti bene, chiusa meglio”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

“Siamo partiti benissimo sbloccandola subito e poi fatto il nostro gioco”.
Antonio Guarracino sintetizza così Sant’Agnello – Palmese. Protagonista dell’avvio sprint Vincenzo Gargiulo che lascia il segno dopo soli due minuti di gioco.
“Sapevo di poterlo utilizzare per un tempo e siamo riusciti tutti a massimizzare al meglio la sua prestazione”.
Una pacca sulla spalla per l’ex centrocampista del Massa che, andato in debito di ossigeno, è stato sostituito nel finale di frazione.
La Palmese? Tanto gioco, ma poche chance.
“Siamo andati cinque minuti in difficoltà nel quale hanno trovato il goal che ha riaperto la sfida, poi hanno sempre girato al largo”.
Protagonista della sfida il classe ’91 Salemme. Strigliato a dovere ha risposto presente al suo tecnico.
“Era stato molto positivo nell’amichevole con il Real Vico – spiega Guarracino -. Ieri si è ripetuto. Le strigliate? Per me sono relative”.
Chi si prende un appunto dal mister dei bianco azzurri è Serrapica.
“Voglio vincere le gare e vederlo protagonista. So che può ancora dare tanto”.
Aveva chiesto alla sua squadra di complicare la zona salvezza battendo la Palmese.
“Alla fine ci siamo riusciti – conclude il trainer santanellese -. Aumenta il numero delle squadre che lotteranno sino alla fine per mantenere la categoria”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!