Sant’Agnello cinico : 3-1 alla Palmese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
DSCN3430

Una fase di gioco di FC Sant’Agnello – Palmese

Destino “cinico e baro” per la Palmese, battuta  al Campo Italia da un Sant’Agnello estremamente utilitarista, che concretizza al massimo le poche azioni di attacco confezionate, ma che è stata anche sufficientemente  puntuale ed ordinata in difesa.
La partita si mette subito sui giusti binari per la squadra di Guarracino, quando già al 2° minuto, Vincenzo Gargiulo risolve una classica mischia d’area, con un tapin fortunato che si insacca alle spalle di Merone. Da questo momento in poi, praticamente per 88 minuti, è la Palmese che conduce le danze, arringata da mister Soviero. I rossoneri mantengono costantemente l’iniziativa, ma solo poche volte si rendono realmente pericolosi, soprattutto con Nappi, che già al 15°, con una azione caparbia, costringe la difesa avversaria a rifugiarsi in angolo. Nel successivo corner Savarese riesce a salvare su Palmieri che aveva battuto a rete,  quasi a colpo sicuro. Gli ospiti si spingono in avanti, con Di Luccio in cabina di regia, che detta i tempi; ma al 29° , ancora con Palmieri, non concretizzano al meglio un’ottima ripartenza, così come quando al 35° Nappi si libera di due difensori con una splendida “veronica”, con  Cappiello costretto ad  interrompere fallosamente l’azione , inaugurando così il taccuino di Garofalo fino a quel momento rimasto immacolato. La Palmese non demorde, ma nemmeno morde, dimostrando un buon gioco, ma problemi in fase di rifinitura, ed anzi al 43° rischia di capitolare nuovamente allorchè ancora un Gargiulo, ma questa volta Luigi, in piena area di rigore colpisce di testa mandando la palla di poco alta, con la complicità di Sommese, che collabora all’errore del biancazzurro con una spinta malandrina non sanzionata dal direttore di gara.
Nel secondo periodo gli attacchi della squadra  ospite , si fanno tambureggianti, con il Sant’Agnello che si difende ancora con un certo ordine ordine. Ma la dea bendata oggi era  ben disposta con il bell’Antonio (Guarracino) e lo si capisce definitivamente al 51°,  quando, sugli sviluppi di un corner, Fiorentino si ritrova la palla fra i piedi a mezzo metro dalla linea di porta, portando i suoi al doppio vantaggio.

Salvatore Soviero (ex portiere Reggina) tecnico della Palmese

Salvatore Soviero (ex portiere Reggina) tecnico della Palmese

Il tempo di mettere la sfera al centro, che immediatamente Nappi impegna Uliano direttamente dal cerchio di centrocampo. Gli attacchi della squadra di Palma Campania, diventano vero e proprio forcing, tanto che il pacchetto arretrato dei costieri, incomincia a dimostrare qualche cenno di cedimento. Quello che sembra mancare alla Palmese,  è proprio una buona dose di lucido opportunismo: infatti,   pur giungendo non poche volte a tiro della porta avversaria, i giocatori in casacca rossonera , proprio non riescono ad inquadrare correttamente il bersaglio. Ci provano ripetutamente Cutolo (subentrato a Della Marca) al 65°, ed ancora Nappi al 69°.  Finalmente, al  71° proprio quest’ultimo riesce a deviare un tiro da fuori di Pedalino, quel tanto che basta a farsì che la sfera si depositi nella rete alle spalle del portiere di casa: è il 2 – 1 .  La squadra del presidente Nunziata , sembra lanciata verso il meritato pareggio , ma il “fato” avverso assume le sembianze di Salemme: il numero 11 biancazzurro finalizza, al 76° un classico contropiede “all’italiana”, con un tracciante che si insacca nell’angolo più lontano della porta difesa da Merone, portando lo score sul 3 – 1. Partita virtualmente chiusa, anche se gli ospiti attaccano ancora, ma con sempre meno incisività, fino al triplice fischio di Garofalo.
Vittoria importante del team del presidente Negri, che continua a gravitare nel limbo di centroclassifica, e il cui obiettivo rimane sempre una tranquilla salvezza. Identico il target della squadra di Palma Campania (che quest’anno ha festeggiato il proprio centenario),  apparsa comunque ben messa in campo da Salvatore Soviero.

Campionato regionale di Eccellenza

FC SANT’AGNELLO – PALMESE                3  –  1

SANT’AGNELLO : Uliano, Savarese, Palladino , Gargiulo V , Cappiello, Di Donna,  Gargiulo L (K),  Serrapica, Fiorentino, Ferraro, Salemmme, a disp. Cuomo, Longobardi, De Maio, Rega, Macarone, Chierchia, Arcobelli – all. Guarracino

PALMESE :   Merone,  Addeo M, Moccia, , Della Marca, Addeo G, Sommese,  Ambrosino, Palmieri, Nappi (K), Di Luccio, Pedalino a disp Saggese, Pacia, De Falco,  Madera,  De Stefano, Cutolo, Noviello – all Soviero

ARBITRO: Garofalo di Battipaglia
ASSISTENTI:  Barrella, Ferrutti
AMMONITI : Cappiello, Savarese (SA), Della Marca (P)
RETI : 2° Gargiulo V.,51° Fiorentino, 76° Salemme (SA), 71° Nappi (P)
NOTE: Spettatori 150 circa, cielo nuvoloso, temperatura fredda

®riproduzione riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!