Promo/M, Fortitudo così non va !

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

1452120_10202446254862119_360886750_n

Una squadra demotivata, per niente concentrata, poco lucida e fin troppo nervosa non è riuscita ad imporsi contro l’ultima della classe, in una sfida il cui unico obiettivo doveva essere il riscatto della brutta sconfitta di Torre Annunziata. Nell’undicesima giornata del campionato Promozione, infatti, la Fortitudo inciampa anche in casa e si fa travolgere dal Boscoreale che conquista, così, la sua seconda vittoria stagionale.

Che sarebbe stata una partita difficile lo si è capito fin dalle prime battute di gara, quando i padroni di casa, partiti bene con i centri di Federico, si fanno prima recuperare e poi superare dalla squadra ospite. Il gruppo di coach Marino prova a costruire diverse manovre offensive ma subisce le marcature degli avversari ed è troppo sprecone sotto canestro.
La situazione si complica ulteriormente dal punto di vista dei falli che costringono il coach a fare a meno dei senatori ed a schierare in campo una quintetto giovanissimo per niente impaurito dalle continue iniziative degli ospiti: da non sottovalutare, infatti, la freddezza di Persico che, chiamato in causa nei momenti nevralgici della sfida, mette a segno 4 liberi su 6. Numeri alla mano, i soli 14 liberi centrati su 39 la dicono lunga sulla prestazione della squadra di casa che al rientro dall’intervallo lungo non reagisce, anzi, cade nella trappola delle casacche blu. Il gioco, infatti, si fa nervoso, aggressivo e la Fortitudo ne esce fortemente penalizzata con De Martino, che in uno scontro con l’avversario, viene ingiustamente cacciato fuori per il quinto fallo.
Una domenica da dimenticare, quindi, o forse da ricordare per evitare di rischiare altri passi falsi e compromettere una prima parte di campionato in cui i fortitudini non hanno per niente demeritato.

  Campionato Promozione Maschile
Fortitudo Sorrento – Pall. Boscoreale 54-73(16-18 28-34 45-51) Persico 4, Esposito D. 18, Federico 10, Somma 5, Montuori 6, Rossi 3, Esposito G. 2, Celentano 2, De Martino 2. Coach: Marino.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!