Speciale derby: L’ex del Massa Lubrense Alessandro Stinga

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Per Stinga uomo del match per il Sant'Agnello sarà Serrapica (foto José Astarita)

Per Stinga uomo del match per il Sant’Agnello sarà Serrapica (foto José Astarita)

Lo scorso anno si è guadagnato a suon di prestazioni il posto da titolare nel Massa, poi la chiamata del suo mentore Guglielmo Ricciardi al Gladiator. Un’esperienza finita male per motivi economici con il cambio di società e l’epurazione conseguente.
Nel nostro speciale derby daremo la parola a due ex di Massa e Sant’Agnello. Primo appuntamento con l’ex portiere dei nero azzurri, Alessandro Stinga.
“E’ una partita che ti dà tantissime emozioni, molte di più rispetto ad un altro match di campionato”, ammette Stinga “Sono rimasto tifoso del Massa e sono certo che al momento nulla è ancora detto per la salvezza”.
Un attacco maggiormente prolifico per i nero azzurri, difesa da record per i bianco azzurri nel girone di andata.

Paolo Fiorentino (foto Sposito) uomo del match per l'ex compagno di squadra in casa Massa

Paolo Fiorentino (foto Sposito) uomo del match per l’ex compagno di squadra in casa Massa

“Le statistiche non contano in un derby – spiega il portiere -. Lo scorso anno era una situazione simile, ma all’inverso. Tutti ci tengono a vincerlo”.
Classe 93′, due campionati di Eccellenza alle spalle e diverse gare di serie D. Stinga mette a fuoco pregi e difetti delle contendenti.
“Nel Massa Giulio Russo e Marcello Cacace su tutti nei nero azzurri. I due rendono il pacchetto avanzato un fattore di punti. Il neo? Beh, la difesa 28 reti subite sono troppe. Il Sant’Agnello ha un’ottima organizzazione di squadra, più completa anche sotto il profilo dell’esperienza. Di nei? Pochi”.
Una risposta secca su chi potrebbe essere l’uomo chiave.
“Paolo Fiorentino nel Massa e Serrapica nel Sant’Agnello”.
A firmare tutto Alessandro Stinga.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!