Sorrento: Si rompe il digiuno

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Un vero e proprio vigile Marco Villagatti (foto Penna). Non solo prestazione, ma anche tanta voce

Un vero e proprio vigile Marco Villagatti (foto Penna). Non solo prestazione, ma anche tanta voce

Con quel perfetto mix di sacro e profano uniti insieme a cui si aggiunge una spruzzata di novità, il Sorrento toglie i veli del 2014 alle gare interne con una vittoria.
Una sfida che metteva di fronte, statistiche alla mano, le peggiori per rendimento interno ed esterno. Un pizzico meglio fanno i rossoneri. L’Aprilia visto all’Italia è proprio la brutta copia della compagine che fa soffrire tutti nelle partite interne.
Difesa scopertissima che rischia di beccar goal in qualunque circostanza.
Sorrento che per una volta entra in campo nelle vesti di gladiatore. Si lotta all’arma bianca su ogni pallone. La voglia e l’entusiasmo di un trentunenne e di un quarantenne fanno da spezia particolare nella vittoria targata, manco a dirlo, Maiorino.
Il numero sette costiero piazza il colpo di biliardo che manda la sfera a morire nell’angolo lungo, regala una gioia ai tifosi e fa svanire al novantesimo l’incantesimo che attanagliava l’Italia dalla gara con l’Arzanese.
Quarta gara con Simonelli senza beccar goal,difesa che migliora, attacco da rivedere. Si, perché contro i bianco blu tanto poteva essere diverso. Tanto come le palle goal dilapidate dai costieri che hanno tenuto sul chi vive Polizzi.
Chiuso il discorso portiere da Simonelli sabato, l’estremo difensore piazza il guantone sulla conclusione di Montella salvando capra, cavoli e la scelta del tecnico.
Le urla liberatorie di tutti coloro che hanno vissuto 7 gare da incubo a fine partita è il chiaro segnale che tutto potrà accadere.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!