Sant’Agnello, Guarracino”Perso? Merito alla Libertas”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Non sa darsi pace mister Guarracino

Non sa darsi pace mister Guarracino

Una maschera. Il volto di Antonio Guarracino non lascia trapelare emozioni.
Il mister del Sant’Agnello è davvero scurissimo. Un 0-3 che non ha una ragione pratica. La Libertas in pratica calcia tre volte verso lo specchio dei costieri e realizza tre reti, bianco azzurri ancorati a 0 nonostante le opportunità avute.
“Purtroppo non mi ricordo parate del mio portiere” sbotta Guarracino, “Abbiamo perso, merito alla Libertas, ma alla fine per quanto visto in campo il pari era un risultato più giusto”.
Sembra strano sentitr parlare di pari in un match finito 0-3, ma è proprio così.
“Pensar che su un calcio d’angolo innocuo ci siamo fatti goal da soli fa riflettere”.
Diretto e di poche parole il mister che ha portato i costieri in terre sicure per poi veder assottigliarsi il vantaggio sulle dirette concorrenti.
“Sono contento della prestazione della squadra – conclude Guarracino -. L’unico neo? Beh in alcune circostanze siamo stati troppo fermi”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!