Sorrento, senza D’Orsi, Improta torna alla base

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Giancarlo Improta

Giancarlo Improta

La surreale vicenda D’Orsi, che ha impedito al Sorrento di tesserare il giovane difensore di Roccapiemonte, avrà delle inevitabili ripercussioni anche sullo scambio che era stato posto in essere con la Spal, la società detentrice del cartellino del centrale classe 1991.

L’attaccante Giancarlo Improta, inserito nell’operazione di compravendita, ormai saltata, tornerà, nei prossimi giorni in penisola sorrentina. La società estense, infatti, non ha ancora depositato il trasferimento dell’attaccante napoletano in quanto nella mattinata di ieri non aveva superato le classiche visite mediche, che avevano messo in luce un problema muscolare di non chiara entità.

L’inconveniente fisico della punta ex Melfi ha, di fatto, bloccato la procedura di trasferimento, portando la dirigenza della Spal a richiedere una nuova contropartita, individuata in Chinellato, per concludere lo scambio.

L’impossibilità della società costiera a tesserare D’Orsi e il conseguente ritorno del difensore nella città estense ha, però, smontato anche quest’ultima ipotesi.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!