Real Vico, Di Maio:”L’episodio del gol iniziale è stato un po’ particolare”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Mastica amaro sul primo goal mister Di Maio

Mastica amaro sul primo goal mister Di Maio

“L’episodio del gol iniziale è stato un po’ particolare, contro una grande squadra certi episodi ti penalizzano”
Vincenzo Di Maio non riesce a darsi pace per come sia maturato il vantaggio degli ionici. Maraucci ko a terra a tenere in gioco tutti e Balistreri a freddare un incolpevole Apuzzo a tre metri dalla linea di porta.
Un Real Vico che è parso troppo spesso in balia dell’avversario, privo di idee e mai pericoloso. Solo Sy dalla distanza e Prisco hanno provato la conclusione.
“Abbiamo tenuto sempre la palla, abbiamo cercato di creare qualcosa, ma onestamente abbiamo fatto troppo poco”.
Seria presa di coscienza da parte del trainer azzurro oro. Una squadra che pecca in fase realizzativa. Russo e Martone sono un ricordo. Sy, Prisco e Ansalone di poco peso per mettere alle corde una difesa di corazzieri come quella del Taranto.
“Non abbiamo un punto di riferimento centrale – spiega Di Maio -. La nostra composizione di organico ci porta spesso ad aggirare le difese, ma non sempre di può andare bene. Siamo in un periodo nero, abbiamo perso anche Maraucci, speriamo di recuperarlo presto e di invertire la rotta”.
Un Real Vico lontano parente di quello che all’andata allo Iacovone mise alle corde i rossoblu sbagliando un rigore, ma portando a casa un punto pesante. Ora l’allenatore costiero si trova a dover valutare di volta in volta giocatori nuovi che incidono sul lavoro e sull’amalgama della squadra.
“ Sapevamo che con tutti i cambiamenti non sarebbe stato facile – conclude il trainer costiero -. Abbiamo solo 4-5 uomini tra quelli che erano qui all’inizio, alla fine non giocheremo sempre contro Taranto o Marcianise, ma contro le nostre pari dovremo sempre cercare di fare risultato. Siamo partiti per salvarci, abbiamo fatto punti importanti all’inizio ma ora stiamo pagando il prezzo di qualche punto non sempre meritatissimo”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!