Vico: il Taranto di Papagni passa 0-2

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Di-MaioVico Equense – Un Vico rinunciatario e poco concreto si inchina al Taranto dell’ex mister del Sorrento Aldo Papagni dopo una partita ben controllata dai pugliesi per tutti i novanta minuti di gioco. I rossoblù trovano subito il vantaggio con un guizzo di Prosperi su azione d’angolo ma il guardalinee alza la bandierina per fuorigioco abbastanza dubbio. Le due squadre si studiano per qualche minuto ma il maggior tasso tecnico degli ospiti viene fatto valere al 21’ quando, sempre su azione d’angolo, la palla, ribattuta dalla difesa, arriva sui piedi di Ciarcià che pennella un bel cross per la testa del bravo Balistreri che insacca il vantaggio tarantino per la gioia dei duecento tifosi tarantini che non hanno mai smesso di cantare fino al fischio finale dell’arbitro Provesi. Il Vico però protesta perché nell’occasione del gol Maraucci si fa male e rimane a terra al momento dell’assist. La squadra di Papagni dà l’impressione di fermarsi, con il Vico che crea tanto gioco sulla trequarti ma non arriva mai al tiro. I padroni di casa  sfornano un’ottima occasione al 38’ ma Prisco servito da Sy cincischia e perde l’attimo per il tiro. Al ritorno in campo il Vico perde il centrale Maraucci a causa dell’infortunio subito precedentemente ma c’è subito una buona occasione per Sy che da destra si fa ribattere il tiro dal difensore dirimpettaio. Al 22’ la migliore occasione per i padroni di casa: su punizione calciata dalla destra svetta in area tarantina Schettino che a tre metri dalla porta trova prontissimo Marani che con un colpo di reni salva la sua porta dal possibile pareggio. Cinque minuti dopo arriva il sigillo finale: lo segna Riccio che raccoglie un cross dalla bandierina e infila di testa il raddoppio. Il Taranto vola verso la testa della classifica. Il Vico prolunga il suo periodo no con un’altra sconfitta. Non gira per nulla la ruota azzurro oro che deve ripartire al più presto per non sperperare quanto di buono fatto nella prima parte di campionato.  

REAL VICO – TARANTO 0-2
REAL VICO (3-4-3): Apuzzo; Oriente, Maraucci (dal 1’ st Vigorito), Melcarne; Schettino, Coppola, Della Ventura (dal 23’ st Iovene), Cirillo; Prisco, Ansalone (dal 1’ st Mascolo), Sy. All.: Di Maio. A disp.: Loffredo, Biondi, Keyta, Di Ruocco, Gragnano, Zaminga.
TARANTO (3-5-2): Marani; Riccio, Caiazzo, Prosperi; Biscuso, Muwana, Migoni (dal 28’ st Pisciascia), Ciarcià (dal 16’ st Menicozzo), Mignogna; Balistreri, Molinari (dal 34’ st Clemente). All.: Papagni. A disp.: Masserano, Caruso, Carloto, Pulci, D’Angelo, Vivacqua.
ARBITRO: Provesi (Treviglio
MARCATORI: Balistreri al 21’ pt, Riccio al 27’ st
NOTE: 300 spettatori circa, 200 da Taranto. Ammoniti: Sy, Vigorito (RV), Riccio (T). Angoli: 6-5 per il Real Vico. Recuperi 3’-1’. 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!