D’Anna allontana il Sorrento: “Siamo ancora in alto mare”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Negli ultimi giorni, il suo nome è stato accostato prepotentemente al Sorrento. Al punto tale da far cadere in errore, compreso noi, parecchi operatori dell’informazione, sicuri che il suo approdo nella città del Tasso fosse ormai cosa praticamente fatta.

A raffreddare gli entusiasmi, però, ci pensa proprio il diretto interessato, Emanuele D’Anna, che, in esclusiva ai nostri microfoni, fa il punto della situazione sulla trattativa in corso con il Sorrento: “Un contatto con la dirigenza rossonera c’è stato – conferma l’ex capitano del Benevento, – ma, al momento, siamo ancora in alto mare. Probabilmente la prossima settimana ci sarà un nuovo incontro, ma nulla ancora è stabilito con precisione”. Nemmeno la presenza sulla panchina del Sorrento di Giovanni Simonelli, ex allenatore dell’esterno avellinese sembra dissipare i dubbi del classe 1982: “Questo – commenta D’Anna, – insieme alla bellezza della piazza, potrebbe essere un motivo per accettare l’offerta. Ma il problema principale è che il Sorrento attraversa una situazione particolarmente delicata. Di conseguenza, ho bisogno di tempo per fare le mie valutazioni”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!