Sorrento – Castel Rigone 0-1, Simonelli: “Non ho parole. L’obiettivo sono i play-out”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Giovanni Simonelli

Giovanni Simonelli

Simonelli non riesce a mandar giù il secondo ko interno del Sorrento.A prendersi l’intera posta in palio all’Italia è stato un Castel Rigone cinico e quadrato. “E’ difficile spiegare una sconfitta come quella di oggi – commenta il trainer rossonero. – Il pari alla fine sarebbe stato il risultato più giusto, ma questo è il calcio”.

Il ruolino di marcia dei costieri in casa è da retrocessione: 2 vittorie e 7 sconfitte. Sotto la gestione del nuovo allenatore sono arrivati due stop. Messina e Castel Rigone hanno fatto il sacco in due gare differenti, ma che nella testa dei calciatori hanno lasciato il segno. “Le partite in casa sono diventate un tabù dal punto di vista mentale ed emotivo. Questo non va bene”.

Si soffre non per la determinazione degli avversari, ma per la paura inconscia di essere vulnerabili. Il Sorrento appena scopre il fianco viene punito. È evidente che non solo la fortuna non sia dalla parte del sodalizio costiero, ma anche qualche pecca nella costruzione della rosa c’è. “E’ chiaro che a questo punto la squadra ha bisogno di qualche innesto di qualità – spiega Simonelli -. Questo porterebbe una ventata di novità sotto l’aspetto anche emotivo per cambiare l’andamento delle cose nelle gare in casa”.

Novità dunque. Sotto l’albero il mister vorrebbe almeno tre innesti, ma tutto resta loccato anche in attesa delle uscite che dovrebbero esserci in rosa. Novità come quella di invertire gli esterni a gara in corso. “E’ stata una scelta dettata da un migliore utilizzo di Canotto sulla destra con maggiore profondità e cross”. Simonelli chiarisce la sorpresa con cui i costieri hanno affrontato la seconda parte di gara.

Le distanze dai play out sono invariate: 5 punti, ma il tecnico ha chiaro in mente la ricetta per il 2014.“Così è durissima. Se non dovessero esserci movimenti di mercato le cose si mettono in salita – conclude il professore di Saviano -. La classifica? Non la guardo e non la voglio vedere. Il motivo? Semplice a noi tocca vivere alla giornata. Puntare agli spareggi da ottenere il prima possibile e poi migliorarci”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!