Sorrento – Castel Rigone 0-1, le pagelle degli umbri: Coresi fondamentale, Gimmelli è un muro

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Matteo Coresi

Matteo Coresi

Franzese 6,5: La sterilità offensiva del Sorrento è lampante, quindi i suoi interventi per trequarti di gara sono limitati all’ordinaria amministrazione. Quando i rossoneri spingono alla ricerca del pareggio, abbassa la saracinesca in faccia a Maiorino prima e Coppola poi.

Santarelli 6: Poco propositivo dalla cintola in su, ma lucido e attento per tutta la gara in cui gli tocca tenere a bada la furia Canotto.

Gimmelli 6,5: Sembra un muro: il puntero costiero Improta prova in tutti i modi a superarlo, ma i suoi interventi sono sempre precisi e puntuali.

Moraci 6: Maiorino, l’uomo più pericoloso del Sorrento, gravita spesso nella sua zona, ma, con le buone e anche con le cattive, riesce, salvo qualche piccola sbavatura, a controllarlo.

Mattelli 6,5: Mette la museruola all’avversario diretto Imparato, approfittando con convinzione delle praterie che ha davanti per dare manforte ai contropiedi.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Montanari 6,5: Motorino inesauribile della mediana, è sempre il primo a portare pressing al portatore di palla avversario.

Coresi 6,5: E’ poco appariscente ma fondamentale: mette, infatti, ordine e disciplina nella manovra, dettando i tempi dell’azione e rendendosi anche pericoloso al tiro, soprattutto nel primo tempo.

Bontà 6: Parte a razzo, costringendo Canotto, attaccante di ruolo, a giocare praticamente da terzino per contenere la sua spinta. Col passare dei minuti, però, il rendimento cala e la prestazione diventa meno brillante. (dal 16’ s.t. Redi 6: E’ decisivo nell’azione del gol, quando s’inventa, nel traffico dei sedici metri, l’assist per Ubaldi che mette nelle condizioni Agostinelli di battere a rete).

Vicedomini 5,5: L’ottimo filtro della mediana costiera gli rende difficoltoso ricevere palloni puliti e, di conseguenza, accendere Agostinelli.

Ubaldi 6,5: Generoso per i chilometri che macina sull’out e, soprattutto quando, da ottima posizione, preferisce servire il meglio appostato Agostinelli, che infatti trasforma, invece di calciare a rete.

Agostinelli 6,5: Gli recapitano solamente una palla buona e lui, da bravo attaccante quale è, la capitalizza nel migliore dei modi.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!