Sant’Agnello pareggio che vale un primato

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Tra i migliori Giuseppe Di Donna

Tra i migliori Giuseppe Di Donna

Si svolta a quota 20 e si può trascorrere un Natale tranquillo in casa Sant’Agnello. La compagine del presidente Negri esce indenne dal Renzulli di Ariano Irpino, ma con un piccolo traguardo in più: migliore difesa del girone. Si perché complice la sconfitta della Virtus Scafatese i bianco azzurri al giro di boa primeggiano in una particolare graduatoria.
Con gli ufitani che mettono dentro l’artiglieria pesante grazie a Errichiello, Viscido e De Biase, Guarracino non si sbottona e fa solo due cambi rispetto a domenica scorsa con Longobardi e Sessa per Savarese e Cappiello.
Le squadre si studiano a lungo, lasciando presagire quello che sarà il copione del match fino al 90’. Il Sant’Agnello non alza le barricate e, anzi, si rende pericoloso per primo con la migliore occasione di tutta la gara. Longobardi mette in gioco la palla sulla fascia destra, Gargiulo spizza di testa e Arcobelli gira, ma Erricchiello con la punta delle dite devia di quel tanto che basta per mandare la sfera sul palo interno. Brivido per la Vis Ariano, che prova a scuotersi con De Biase prima e Manco poi senza particolari affanni per Uliano.

La migliore difesa del girone di andata passa anche dai piedi di Scippa

La migliore difesa del girone di andata passa anche dai piedi di Scippa

Costieri che controllano, ma cercano di affondare sui calci piazzati. Scippa anticipa anche Ferraro, ma non inquadra lo specchio. Nuovo spavento per la Vis Ariano che si scuote. Al  minuto 50, quando Spaccamiglio sugli sviluppi di un corner si ritrova tutto solo sotto misura, ma non impatta il pallone colto di sorpresa dal liscio di un difensore. La Vis è più propositiva nei secondi 45’e lo stesso Spaccamiglio prova a farsi perdonare l’errore da pochi passi con un tiro sul quale Uliano fa ancora buona guardia. L’estremo difensore dei costieri è reattivo anche al 76’ su Manco, anticipato, e vede alzarsi sulla traversa il tentativo da fuori area di Viscido nel finale.

Vis Ariano – Sant’Agnello 0-0
Vis Ariano: Errichiello, De Padua, Terracciano, Spaccamiglio, Guardabascio Gia., Grasso M., Giordano (85’ Purcaro), Manco, De Biase, Viscido, Khadiri. A disp.: Greco, Pugliese, Russolillo, Di Gruttola, Memoli, Grasso A. All.: Del Vecchio
Sant’Agnello: Uliano, Longobardi (78’ Chierchia A.), Scippa, De Maio (71’ Savarese), Sessa, Di Donna, Gargiulo L., Serrapica, Arcobelli, Ferraro, Macarone (82’ Salemme). A disp.:  Cuomo, Palladino, Gargiulo V., Iovino. All.: Guarracino
Arbitro: Carmen Gaudieri della sezione di Battipaglia
Note: Ammoniti Guadabascio Gia., Grasso M.(VA), De Maio, Di Donna, Gargiulo L.(SA).

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!