Sorrento, Simonelli:”Fatto bene nel primo tempo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Contento dei primi 45 minuti di gioco Gianni Simonelli (foto Romano)

Contento dei primi 45 minuti di gioco Gianni Simonelli (foto Romano)

Il Sorrento torna da Melfi con un punto che fa tanto morale per la truppa di Simonelli. Uno zero a zero dopo le tre sberle rimediate in casa contro il Messina. Riesce a mantenere la propria porta immacolata la compagine costiera che ha affrontato la contesa con il piglio giusto soprattutto nella prima parte di gara.
“Abbiamo fatto bene soprattutto nella prima parte di gara quando si sono interpretate al meglio le due fasi di gioco e creato diversi pericoli al Melfi”.
A metterci la voce è il tecnico Gianni Simonelli. Il nuovo allenatore dei rossoneri in due gare esterne è sempre riuscito a tornare a casa con punti (3 con il Tuttocuoio, 1 Melfi). Un secondo tempo in chiaroscuro per il Sorrento. Dopo una chance per Catania e il contropiede finale di Improta c’è stato tanto giallo verde.
“E’ vero il Melfi nella ripresa ci ha messo in difficoltà, ma ha cercato di sfruttare soprattutto la palla lunga e la spizzata per attaccare la profondità negli spazi”.
Una squadra che conferma la bontà del lavoro di mister Bitetto. Un undici che ha cercato il successo con convinzione.
“Ai nostri avversari posso solo fare i complimenti per la determinazione e la voglia che hanno messo in campo cercando in tutti i modi di portare a casa i tre punti”.
Tre punti che il Sorrento ha quasi avuto paura di rischiare di prendere dopo l’infortunio di Villagatti.
“La squadra ha avuto paura di perdere e la nostra classifica ci impedisce di fare passi falsi – ammette Simonelli -. L’uscita del nostro giocatore ci ha un po’ colpito nella testa facendoci abbassare in campo e lasciando campo ai nostri avversari”.
Rossoneri che ancora una volta hanno dimostrato come una delle pecche della squadra sia nella testa. In casa un problema con il quale si convive da tempo.
“Son contento per come abbiamo mantenuto gli equilibri – conclude il tecnico costiero -. Spesso in casa ci facciamo prendere dalla frenesia di riprendere il risultato e le cose poi vanno di male in peggio. Oggi siamo stati più calmi”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!