Cala il poker il Sant’Agnello

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Ottima la prestazione di De Maio

Ottima la prestazione di De Maio

Un poker è che poker. Il Sant’Agnello si regala quattro reti per l’ultimo appuntamento del 2013 in casa.
La compagine di Guarracino da cane affamato sfrutta al meglio l’approccio sbagliato dei cilentani.
Nell’arco di 25 minuti gara pressoché chiusa.
La difesa di gomma della compagine biancoazzurra tiene botta. Nessuna rete al passivo e seconda posizione blindata nella particolare classifica della migliore difesa.
Senza sbagliare un colpo Arcobelli tocca due palloni e come Re Mida li trasforma in oro. Prima approfitta di un errore di Serra, poi lo fredda dalla distanza.
In pratica mette la freccia subito ad un quarto di partita. Voleva quello il tecnico Guarracino che si gongola.
Corsa giusta e oculata, squadra che sa soffrire e chiudere le porte in faccia agli avanti granata.
Non appena si offusca il cielo sull’Italia a Di Donna parte l’embolo. Recupera su Gorrasi lanciato in area, ma l’impeto della corsa lo costringe al fallo tanto ingenuo quanto inutile. Penalty per l’arbitro Freda e tecnico dei costieri che diventa una furia. Vorrebbe poter entrare in campo, ma tiene a freno il passo Guarracino.
Di Lucia prova la soluzione alla Balotelli, Uliano da vecchio marpione lo aspetta al varco e gli blocca la sfera.
Mazzata troppo pesante per la squadra di Mangieri. La Poseidon è alle corde e nella ripresa crolla sotto i colpi di capitan “Spicchino” Gargiulo e del giovane Di Maio.
La verve di un ispirato Sileno non riesce a offuscare le pecche di un organico che prende le redini del match, ma non impensierisce l’esperto numero uno bianco azzurro.
La muraglia costiera resiste. In pratica è una faccia di cera il Sant’Agnello. Mimica pressoché inesistente nei confronti degli attacchi degli avversari.
Passata la sfuriata dei granata nel finale Arcobelli e Di Maio potrebbero chiudere il set, ma al tiro a bersaglio peccano di precisione.

Sant’Agnello – Poseidon 4-0
Sant’Agnello: Uliano 7, Savarese 6, Scippa 6, De Maio 7, Cappiello 6.5, Di Donna 5.5 (15’st Sessa 6), Gargiulo 6.5 (31’st Palladino sv) Serrapica 6.5, Arcobelli 7, Ferraro 6 (1’st Salemme 6 ), Macarone 6.5. A disp.: Cuomo, Longobardi, Iovino, Beato. All.:Guarracino 7.
Poseidon: Serra 5, Cavallo 5, Addivinola 5 (11’st Orlando 5.5) Tuveri 6, Bellizzo 5.5, Maresca 5.5, Sileno 6, Melillo 5.5, Di Lucia 5 (1’st Marino 5), Gorrasi 5.5, Lutri 5 (19’st Nicotera 5). A disp. Gigandino, De Rosa, Acampora. All.: Mangieri 5.5.
Arbitro: Freda di Avellino
Marcatori: 15′, 25’pt Arcobelli (S), 5’st Gargiulo (S), 11’st De Maio (S)
Note: Spettatori: 100 circa. Ammoniti: Cavallo, Tuveri, Sileno, Melillo, Di Donna, Salemme. Rec.: 1’pt, 3’st. Al 37’pt Uliano para un rigore a Di Lucia.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!