Sant’Agnello e Sant’Antonio non si fanno male

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

uliano_eclaSecondo pareggio di fila per il Sant’Agnello. Al Comunale di Sant’Antonio Abate punto importante per i costieri.
Gara avara di emozioni con i bianco azzurri intenti a controllare le sortite dei padroni di casa e pronti a piazzare i colpi in contropiede.
Guarracino sa bene che passare indenne le forche dei giallo rossi senza incappare in un ko significa fare un bel passo in avanti.
Nessun gol e poche emozioni. Un pareggio sostanzialmente giusto, tra due squadre che sono state tanto attente nella fase di copertura, quanto poco incisive in quella offensiva.
La prima occasione del match, dopo venti minuti di nulla, capita ai padroni di casa, con Comegna che è bravo a rubar palla sulla tre-quarti e, una volta al limite dell’area, a provare una conclusione che però si spegne sul fondo, seppur non di molto. Per il resto, fino all’intervallo, la gara scorre via senza sussulti, con i due portieri che di fatto restano inoperosi. Leggermente più vivace (si fa per dire) è la seconda frazione, nella quale i primi a farsi notare sono ancora una volta i ragazzi di Gargiulo: al quarto d’ora Uliano è costretto ad una respinta corta, sulla quale si avventa Pucci, che però non riesce a trovare il varco giusto e spara la sua conclusione nuovamente sul portiere santanellese. A doversi mangiare le mani, però, sono gli ospiti, che nell’unica vera occasione creata, al 26’, sono andati ad un soffio dal gol: è Arcobelli che fa gridare al gol la panchina ospite, ma il suo tiro colpisce l’incrocio dei pali prima di spegnersi sul fondo. Un brivido intenso, che però non cambia il risultato, consegnando agli archivi uno 0-0 quanto mai veritiero.

Sant’Antonio Abate – Sant’Agnello 0-0
Sant’Antonio Abate: Sorriso 6, Veneziano 6, Donnarumma 6.5, Comegna 6.5, Galasso 6.5, Russo L. 6.5, Nastro sv (38’pt Cannavacciuolo 6), Somma 6, Maggino 6 (41’st Mosca sv), Pelagione 6, Pucci 6 (20’st Alfano 6). All. Gargiulo 6.
Sant’Agnello: Uliano 6.5, Longobardi 6, Palladino 6 (28’st Macarone sv), Rega 6.5 (40’st De Maio sv), Sessa 6, Di Donna 5.5, Gargiulo 6, Serrapica 5.5, Arcobelli 6.5, Esposito sv (8’pt Ferrara 6), Scippa 6.5. All. Guarracino 6.
Arbitro: Chianese di Napoli
Note: presenti circa 300 spettatori. Ammoniti Nastro, Galasso, Rega e Gargiulo. Rec.: 2’pt e 3’st.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!