Sorrento parla Simonelli:”Dedicata alla mia famiglia”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Vittoria con dedica per Simonelli alla terza esperienza sulla panchina del Sorrento

Vittoria con dedica per Simonelli alla terza esperienza sulla panchina del Sorrento

“Una vittoria per la mia famiglia”.
Gianni Simonelli dedica il primo successo della stagione a sua moglie e alle sue figlie che prima del match hanno inviato un messaggio di incoraggiamento al neo tecnico dei costieri.
Un salto nel passato per Simonelli che nella vicina Pisa aveva lasciato tanto amici.
“La squadra si è espressa bene, ma non solo per la vittoria – analizza il trainer rossonero -. Prima per l’atteggiamento, la cattiveria presupposti fondamentali per portare a casa l’intera posta in palio. Avevamo iniziato bene, portato pressione con i tempi giusti, poi nel momento difficile  abbiamo trovato il jolly”.
Una squadra che è scesa in campo con l’età media più bassa dell’intera stagione. Il 21.1 di media è un dato che balza all’occhio per chi accusa il tecnico di non utilizzare i giovani.
“Hanno dimostrato di essere bravi e si sono espressi con tranquillità anche nei momenti delicati non si sono mai lasciati prendere la mano dalla foga”.
Un Simonelli che giunge in sala stampa senza un filo di voce.
“Ma l’ho persa in settimana, non solo oggi” se la ride il professore di Saviano. Aveva lasciato Benevento per calarsi nella realtà familiare, poi la chiamata del Sorrento ed il ritorno in panchina.
” Sembrava che potessi aver messo e a parte tutto. Le gare viste in tv mi annoiavano. Mi rilassavo subito, ma oggi ho capito che il mio posto è il campo dove si vivono delle grandi emozioni”.
Presi tre punti dopo quattro sconfitte per Simonelli si pensa al Messina.
” Il successo di oggi finisce qui. Guai a pensarci  ancora, adesso l’obiettivo è la gara di domenica prossima contro il Messina che sarà fondamentale”.
Nello spostare l’attenzione sui singoli non può non tenersi conto della grande gara messa in pratica da Pasquale Maiorino. Un gol, tante giocate, un assist: man of the match.
“Ha fatto un grande goal – si gongola Simonelli -. Sono contento che sia venuto oggi ed in quel modo”.
Si è rivisto in campo anche Benci. Ruolo inedito di terzino destro.
“Può coprire questo posto in campo senza se è ma – spiega il mister -. Oggi ci è servito perché in alcune fasi della partita ci si metteva anche a tre”.
Nel pacchetto offensivo si è rivisto Musetti.
“Peccato sia grande di età, ma è un giocatore importante per il prosieguo della stagione. Oggi ritornava e ha fatto bene”.
Ancora un goal per Luigi Canotto.
“Deve continuare e a lavorare duro come ha fatto in settimana – conclude Simonelli -. Può e deve ancora migliorare molto. Ha le qualità per farlo”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!