Guarracino: “Partita aperta, facciamo gli stessi errori”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sant’Agnello – Un pareggio pirotecnico quello tra Sant’Agnello e Mariglianese sul terreno viscido dello Stadio Italia che ha ospitato la squadra di mister Guarracino, che ha rischiato di portarsi a casa l’intera posta negli ultimi minuti della sfida. «E’ stata una partita aperta, ben giocata – dichiara il tecnico santanellese -, peccato per l’arbitro che si è lasciato condizionare dall’irruenza degli avversari». Un arbitro che ha concesso un calcio di rigore al 5′ della seconda frazione di gioco che ha diretto la gara a favore degli ospiti, bravi a portarsi poi subito dopo anche in vantaggio dopo aver subito nel primo tempo il gol di Arcobelli. «Abbiamo giocato una buona partita, con grande intensità. Il gioco è stato molto veloce, a causa del terreno bagnato, ma abbiamo tenuto molto bene. Mi dispiace perchè facciamo sempre gli stessi errori, non sono contento di questo, errori che non vorrei fossero limiti visto che non riusciamo a risolverli». Al di là degli errori e del risultato finale, che avrebbe potuto premiare la sua squadra, Guarracino conclude con le note positive e con un “rimprovero” ai suoi: «Sono contento della reazione della mia squadra, non ci siamo scomposti dopo l’1-2. Loro erano troppo esagitati e noi non dobbiamo subire però questo atteggiamento».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!