Sorrento – Martina 0-1, il rammarico di Chiappino

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Luca Chiappino (foto Galano)

Luca Chiappino (foto Galano)

Ancora guai per il Sorrento che non riesce proprio a risollevarsi da una scomoda situazione ed inciampa nuovamente sul proprio terreno di gioco, stavolta contro una diretta concorrente per la sfida salvezza, il Martina di Mister Bocchini. E’ la quarta sconfitta consecutiva, l’ennesimo flop che relega i rossoneri terzultimi in classifica ed alimenta il malumore e le proteste dei tifosi.

“C’è poco da dire – è il commento di mister Chiappino in conferenza stampa –  abbiamo preso una china davvero pericolosa perché nonostante la fatica e l’energia impiegate  durante la partita, non riusciamo a concretizzare niente di quello che costruiamo. Ed è così che alla prima situazione che concediamo prendiamo gol. Nelle ultime gare la squadra non riesce a rendere al meglio delle sue possibilità e soffre soprattutto di un problema psicologico che non permette di scendere in campo con quella lucidità e serenità dimostrate in altre occasioni”.

Una squadra disunita e disorganizzata quella scesa in campo quest’oggi, una squadra che se paragonata ad un mese fa sembra irriconoscibile: i risultati maturati nelle ultime gare sono figli della tensione con cui i giocatori scendono in campo, mancanza di serenità che impedisce al gruppo di esprimersi al meglio delle sue possibilità. “Mi sento in discussione – continua il tecnico rossonero – così come deve sentirsi in discussione tutto il gruppo . Anche se voglio precisare che né io né i miei calciatori abbiamo nulla da rimproverarci, per come ci si comporta durante la settimana, per la dedizione, la voglia e la determinazione nel lavoro”. Se si butta un occhio alla classifica, l’unico fattore positivo può essere il fatto che le distanze sono ancora molto corte e basterebbe poco per rimettersi in corsa: “C’è il rammarico di aver buttato via un’opportunità così importante dato che ci sono le capacità per poterlo fare. Io ci credo, ma devono crederci soprattutto i ragazzi che devono reagire e prepararsi al meglio per la sfida contro il Tuttocuoio”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!