Massa, Cappiello:”Il Cicciano? Forse l’ultima spiaggia”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Carica l'ambiente all'impresa contro il Cicciano Antonio Cappiello

Carica l’ambiente all’impresa contro il Cicciano Antonio Cappiello

“Adesso bisogna ripartire dopo il passo falso contro la Libertas Stabia”.
Antonio Cappiello suona la carica dopo il passo falso contro i tigrotti stabiesi. Lui che allo scadere ha fallito un calcio di rigore pesante per classifica e morale.
“Il mister mi ha confermato nella qualità di rigorista, per fortuna”.
Una grossa responsabilità in considerazione della classifica e degli errori già fatti (2) da Cappiello nel corso della stagione.
“La prossima gara sarà come uno spareggio e si dovrà affrontare come un play-out”.
Massa – Cicciano potrebbe significare tante cose. La stagione dei costieri è iniziata malissimo e non riesce a raddrizzarsi.
“Chiunque sarebbe stato il prossimo avversario avrebbe trovato una squadra pronta a tutto pur di vincere – spiega la mente del gioco massese -. L’obiettivo unico è fare tre punti per rilanciarci in graduatoria”.
In pratica uno spareggio.
“Il Cicciano l’ultima spiaggia? Forse. Per la salvezza si dovrà sputare sangue contro tutte le prossime avversarie”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!