Arbitro scatenato, ma la Puteolana resiste. 0-0 per il Vico a Pozzuoli

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Pozzuoli (NA) – Puteolana eroica in casa contro il Real Vico che riporta in penisola un punto importante pur potendo contare, nell’ultimo quarto d’ora di gioco, su una superiorità numerica di ben quattro uomini. Eh si, perchè il vero protagonista al Conte non è stato nessuno dei giocatori in campo ma l’arbitro Moretti che nel corso dei 90′ minuti ha decimato la squadra di casa cacciando dal campo addirittura quattro atleti. Il Vico di Di Maio pur con un forcing finale insistente non è riuscito a trovare la rete della vittoria lasciando ai casalinghi un punto che considerato le condizioni vale tantissimo. In campo, a parte le espulsioni, non succede granchè. La Puteolana si rende pericolosa un paio di volte nei primi quindici minuti, poi al quarto d’ora esatto l’arbitro caccia l’attaccante Pastore spuntando la squadra di casa che non riesce più a trovare azioni degne di nota per tutto il primo tempo. Nel secondo tempo è ancora la Puteolana ad aprire le danze con una punizione di Salvati, prima di un tentativo di Giulio Russo di testa e prima del secondo rosso della gara. Vittima questa volta lo stesso Salvati reo di fallo da ultimo uomo. Prima della fine delle ostilità c’è ancora spazio per altre due espulsioni che rendono il finale di gara piuttosto grottesco. A farne le spese Russo e Napolitano mandati anzitempo negli spogliatoi rispettivamente per falli molto dubbi. Dopo cinque minuti di recupero e di insistente attacco del Vico la gara si chiude. Un par che va bene ad entrambe, ma che sta stretto agli ospiti che avrebbero potuto sfruttare meglio la quadrupla superiorità.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!