Sorrento, il diktat di Chiappino: “Non dobbiamo sprecare quello che costruiamo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Luca Chiappino

Luca Chiappino

“Il Foggia è una squadra quadrata che gioca a calcio, non si affida alla palla lunga e soprattutto esperta rispetto a noi”. Mette insieme i tasselli del mosaico dei satanelli, Luca Chiappino. Il tecnico del Sorrento si trova a dover disputare una partita delicata contro una delle compagini più in forma del campionato. “Hanno dei buonissimi giocatori al di là delle assenze”. Sarà la prima volta in stagione che i costieri si troveranno ad affrontare un undici che utilizza la difesa a tre. “Nei movimenti offensivi cambia poco – spiega l’allenatore rossonero. – Cambiano le distanze in campo e il punto nel quale dovremo attaccare il loro portatore di palla. Adattare il nostro sistema alle loro uscite che potrebbero essere a 3 come a 5”.

Allo Zaccheria non ci saranno le luci dell’impegno serale, ma con l’apertura della curva “Franco Mancini” ci si aspetta una cornice di pubblico importante. “Beh, se devo pensare al passato, a Cosenza abbiamo fatto la migliore gara della stagione”.

I pugliesi di Padalino sono compagine esperta. Uno dei fattori che ha inciso in alcune fasi di gioco è stata la poca malizia del team di Chiappino nel gestire delle situazioni di gioco. “Sul fattore malizia alla fine si può fare poco – commenta il trainer ligure. – È un bagaglio che cresce con l’età del calciatore”.

Il Sorrento ha spesso continuato a giocare anche quando tempo e risultato potessero far pensare ad accontentarsi. “Bisogna capire che in alcuni casi si ci deve accontentare di quello che si ha ed evitare di sprecare quello che si è costruito in campo”. Chiama i suoi ad una migliore gestione della gara per quanto anche in difesa ci sarà da inventare qualche cosa. “Benci e Pantano hanno problemi fisici e non sono stati convocati – chiarisce il mister.- Le scelte sino a quando si possono fare sono anche dettate dalla situazione fisica dei calciatori”.

Sul fronte mercato si torna a parlare di un difensore. “Lo sappiamo che manca come fattore numerico e forse anche a centrocampo con l’infortunio di Esposito non siamo a posto. Aspetteremo la giusta opportunità per chiudere il cerchio”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!