Sorrento, Canotto se la prende con la dea bendata: “In questo periodo ci gira male”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Luigi Canotto

Luigi Canotto

“Potevamo fare di più”. Luigi Canotto spiega in poche parole il ko maturato contro il Teramo. “Abbiamo fatto una bella gara, poi verso la fine ci abbiamo messo un errorino che in futuro sarà da evitare” mastica amaro il classe ’94 che domenica è andato in goal per la terza volta in stagione. “Si è perso contro una squadra forte che non è seconda per caso. Purtroppo ci siamo cascati di nuovo”.

Se contro il Chieti c’era la doppia inferiorità numerica ad incidere sull’andamento della contesa, con i bianco rossi negli istanti finali è stata concessa una doppia chance agli avversari: “Non è un problema fisico – sbotta Canotto. – Ci gira anche male in questo periodo. Il prossimo obiettivo è quello di prestare maggiore attenzione ai finali di gara”.

Ha avuto una nuova chance da titolare e non ha voluto farsela scappare: “Io lo ripeto quando il mister mi chiama farò sempre di tutto per mettermi in gioco e conquistarmi una maglia da titolare – ammette l’attaccante calabrese. – “Domenica non volevo uscire, perché per carattere non mi arrendo mai, ma alla fine hanno vinto i crampi. Purtroppo il ritmo dei 90 minuti un po’ manca, ma accetto tutte le decisioni del tecnico”. Ragazzo giovane, ma che dimostra anche grande maturità, Canotto nella contesa con i ragazzi di Vivarini ha segnato due reti (una annullata) e il primo pari. Una settimana pesante per classifica e morale: “Se guardiamo la graduatoria alla fine ti manca sempre qualche cosa – evidenzia l’attaccante -. Ci sono squadre che ci precedono con le quali abbiamo giocato alla grande e non raccolto punti”.

Si giocherà di sabato allo Zaccheria di Foggia. Partita dalle mille insidie. Satanelli che sono nel periodo buono e vengono dallo 0-0 del Pinto di Caserta: “Sotto tanti punti di vista ci aspetta una bella gara. Noi punteremo alla vittoria perché ce lo impone la classifica. Adesso non dà merito a quelle che sono state le nostre prestazioni, ma giocheremo con la consapevolezza di avere le qualità per portare a casa il bottino pieno”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!