Volley, cade ancora la Libertas. Il Cimitile passa 3-0 all’Atigliana

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Momento difficile in casa Libertas Sorrento. Altra sconfitta per le giovani di mister Morelli, che, infatti, questa settimana hanno rimediato la seconda sconfitta su altrettante gare disputate, stavolta in casa, contro il Cimitile.

I risultati dei set? La fotocopia di quelli già registrati la settimana scorsa: 3 a 0 per le avversarie. Il primo parziale si è concluso 18-25, il secondo 10-25, il  terzo e decisivo 22-25 per il Cimitile.

Mister Morelli commentando tali risultati, esordisce riconoscendo la superiorità delle due squadre avversarie con cui hanno dovuto contendersi le prime due partite del girone D di serie D: “Abbiamo cercato di fare del nostro meglio, lottando sin dall’inizio della contesa. Siamo scesi in campo avendo un solo obiettivo, la vittoria, ma, come al solito, ai punti decisivi ci siamo tirati indietro. E’ come se avessimo accusato la paura di vincere e ciò non è giustificabile per la presenza, stavolta,  di più ragazze con esperienza sul parquet. Mi aspettavo che gestissero la partita con più agonismo e voglia di vincere”.

Nel secondo set, invece, si è registrato un crollo psicologico netto. “A pallavolo non puoi permetterti nessuna sosta – analizza l’allenatore della Libertas. – Se pensi a quello accaduto nei set precedenti, rischi di perderne altri  senza sapere nè come nè perché”.

Nell’ultimo set, invece, c’è stata una rimonta incredibile: Il Cimitile ha commesso errori futili, permettendo alle ragazze sorrentine di giocarsi la chance di portare a casa almeno un parziale. Ma nei punti decisivi, sul 22 pari, gli avversari hanno messo il turbo, aggiudicandosi gioco e partita:  “Nella ripresa – conclude Morelli –  abbiamo giochicchiato, ma ormai la partita era già indirizzata e non abbiamo potuto più nulla. Purtroppo, in generale, siamo caduti in balia dell’ avversario. La bravura del Cimitile, squadra molto forte per il livello generale della serie D, si commisura, però, sempre con la pochezza dell’ altra squadra che si ritrova contro. In questo caso, noi non siamo state all’altezza ed è per questo che il Cimitile si è esaltato. Per il futuro, oltre che tecnica, per reagire serve una reazione nervosa e di orgoglio”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!