Il Vico torna a vincere: finale incredibile con il San Severo, decide Lettieri

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vico Equense – Sembrava una di quelle partite tristemente destinate a percorrere i binari morti dello 0-0, e invece negli ultimi cinque minuti, alla luce dei riflettori, dopo tanta pioggia, dopo un secondo tempo nettamente più vispo del primo ma senza troppe emozioni, è successo di tutto. Real Vico e San Severo, privi dei rispettivi allenatori squalificati e in campo con uno speculare 4-4-2, hanno dato vita ad una partita bruttissima nella prima frazione, in cui le gocce di pioggia hanno cominciato a fare capolino, prima di fronteggiarsi a viso più aperto nella seconda parte di gare sotto l’acqua battente. Nessuna emozione degna di nota, a parte una punizione di Corsale e qualche sporadico tentativo dell’attaccante giallorosso Ladogana, nei primi 45 minuti. Il Vico ha rischiato grosso solo nell’occasione in cui, attorno al 20′, una palla innocua ha rischiato, rimbalzando sul campo molto viscido, di superare Apuzzo in uscita. Il portiere però ha bloccato, seppur con qualche difficoltà, il pallone, rilanciandolo lontano. Nel secondo tempo le due squadre hanno provato a vincere la partita, con un paio di occasioni importanti per parte: al 7′ Cirillo con il destro ha mancato di poco la porta difesa dal portiere pugliese, poi ancora il centrocampista vicano ha mancato di un sospiro l’appuntamento con il gol su lancio millimetrico di Corsale. Al 15′ il San Severo ha trovato l’occasione migliore con Ladogana, lanciato a rete. L’attaccante ha provato lo scavino ma Apuzzo in uscita ha negato la sesta gioia stagionale al puntero ospite. Tra il 18′ e il 20′ due occasioni per i padroni di casa, entrambe di testa, con Russo e Ansalone, ma le porte hanno continuato a sembrare stregate. L’ingresso in campo di Cesareo per i sanseverini ha portato novità in campo e proprio l’attaccante ha trovato il guizzo giusto al 42′; tiro e palla diretta in rete con Melcarne pronto a salvare sulla linea, ma l’arbitro ha visto un fallo di Apuzzo e ha decretato il tiro dal dischetto. Ladogana ha calciato però malissimo mandado la sfera alta sulla trasversale. Pochi minuti e dall’altra parte un cross in mezzo ha creato una mischia sbrogliata da Lettieri, autore di un’ottima prestazione, che ha condito la sua partita con un destro all’angolino alto alla sinistra di Pizzolato. Beffa atroce per gli ospiti, ma è la legge del calcio, mai in discussione. Il Vico ritrova vittoria e morale; tre punti d’oro che potranno risultare decisivi nel corso del campionato.

VICO EQUENSE – SAN SEVERO 1-0
VICO EQUENSE (4-4-2): Apuzzo; Lettieri, Maraucci, Melcarne, Ansalone; Cirillo, Zaminga, Corsale (dal 25′ st Martone), Mattera; Iovene (dal 29′ st Matarazzo), Russo (Dal 45′ st Circiello). All. Di Maio (Squal.). A disp.: Pastena, Vigorito, Coppola, Gragnano, Breglia, Trofa.
SAN SEVERO (4-4-2): Pizzolato; Semerano, Simonetti, Ianniciello, Russi; De Vivo, Della Ventura, Ganci, Di Matera (dal 25′ st Cesareo); Ladogana, Galetti. All.: Rufini (Squal.) A disp.: Del Rossi, Mangiacotti, Florio, Selvaggi, Burdo, Fasci, Villani, De Rosa.
ARBITRO: Monterenzi di Brescia.
MARCATORI: Lettieri al 45′ st. NOTE: Spettatori 150 circa, giornata uggiosa. Al 42′ st Ladogana calcia alto un rigore. Ammoniti Della Ventura (S), Apuzzo (V). Angoli 5-1.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!