Stagione a rischio per la Ballardini: “Non ci voleva, spero di tornare in fretta”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Tanta sfortuna per il play della Polisportiva Giada Ballardini, fermata da un'infortunio al ginocchio.

Tanta sfortuna per il play della Polisportiva Giada Ballardini, fermata da un’infortunio al ginocchio.

Sorrento – Brutta tegola in casa Nuova Polisportiva. La prima vittoria in campionato contro la Fortitudo Anagni ha portato in dote non solo due punti importanti ma qualche infortunio di troppo. Il più grave è capitato alla play Giada Ballardini, punta di diamante della campagna acquisti orchestrata dalla presidentessa Russo, che ha subito una sospetta rottura del legamento crociato abbandonando il campo anzitempo. Un danno non da poco per la squadra di coach Di Capua che potrebbe fare a meno della sua giocatrice addirittura fino al termine della stagione, nella peggiore delle ipotesi. La Ballardini però non si butta giù anche se dovrà lasciar sole le compagne proprio in vista del match contro lo Stabia: «Non ci voleva… Abbiamo una partita tosta contro la prima in classifica che è un’ottima squadra e mi avrebbe fatto davvero piacere esserci. La squadra però ha reagito bene già dal terzo quarto dopo la mia uscita e ho visto un bel carattere. Tutte le ragazze, anche chi è entrato in campo per la prima volta in campionato, hanno retto benissimo». La giocatrice che ha disputato l’ultima stagione in A2, a Reggio Calabria, analizza la Conference Centro Sud e la possibilità della Polisportiva di raggiungere l’obiettivo salvezza: «E’ un campionato particolare, la squadra più forte è sicuramente lo Stabia ma tra le altre non ho visto finora squadra molto più forti di noi. Abbiamo giocato tre partite tutte combattute, le prime due caratterizzate da episodi a noi contrari e favorevoli nell’ultima. Il livello è quello, alcune squadre non le conosco ancora, ma noi ce la giochiamo con tutte». Al momento però il primo pensiero del playmaker anconetano è capire quanta noia le darà questo infortunio. Non sembra un ostacolo semplice da superare, ma la speranza di tornare prima del termine del campionato è viva: «Me lo auguro, purtroppo adesso non so ancora nulla ma spero di tornare il più in fretta possibile».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!