Vico: periodo no, sconfitta a Brindisi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Brindisi – E’ un periodo non certo positivo per il Vico che trova la sconfitta a Brindisi crollando negli ultimi minuti grazie ad una magia del fantasista pugliese Greco, entrato a pochi minuti dal termine quale ultima carta giocata dal tecnico Ciullo. La partita prometteva spettacolo e spettacolo è stato nei primi venti minuti di gioco, durante i quali sono arrivate due reti che hanno immediatamente acceso la partita.
Dopo soli dieci minuti è stato Gambino ad aprire le marcature su azione d’angolo, salendo in cielo su un cross perfetto dalla bandierina da parte di Pellecchia. Il Vico non accusa particolarmente il colpo, abituato a recuperare spesso dallo svantaggio iniziale, e dopo 10′ minuti pareggia con un gran gol di Iovene che resiste all’assalto dei difensori e piazza il pallone alle spalle  di Peschechera. Il bel gioco comincia a scarseggiare e la partita risulta dal momento del pareggio vicano scarna di occasioni da rete. I portieri non hanno granchè da fare e si va negli spogliatoi sul punteggio di 1-1. In avviodi secondo tempo i padroni di casa provano a vincere la partita ma la difesa del Vico regge bene l’urto dell’attacco avversario, stordito dalle maniere forti utilizzate all’occorrenza dagli uomini di De Maio. Al 30′ del secondo tempo episodio che poteva rivelarsi chiave nella sfida. L’autore del gol del vantaggio brindisino, Gambino, viene mandato anzitempo negli spogliatoi con l’accusa di aver colpito un avversario a gioco fermo. Il Vico prova così a trovare il colpaccio e si fionda nell’area avversaria per un forcing finale, ma Ciullo negli ultimi cinque minuti trova il colpo di genio mandando in campo Greco. E’ la mossa che sblocca la gara, perchè il talento di casa trova all’85’ una parabola dal limite su punizione imprendibile per Apuzzo che in più occasioni aveva salvato la propria porta. Non basta agli ospiti il tutto per tutto dei minuti finali. Il Brindisi tiene in casa propria i tre punti mentre per i vicani arriva un’altra sconfitta di misura in trasferta.

Brindisi: Peschechera, Iaboni, Akuku, De Martino, Sicignano, Patti, Loiodice (90′ Cacace), Marsili, Gambino, Pellecchia (70′ Albano), Fella (79′ Greco). All. Ciullo. A disp.: Novembre, Cacace, Bove, Favia, Tedesco, Vantaggiato, Martinelli.
Vico Equense: Apuzzo, Lettieri, Ansalone, Zaminga ( dal 92′ Trofa), Maraucci, Lolaico (dall’89’ Martone), Cirillo, Corsale, Volpe (dal 77′ Mattera), Iovene, Russo. All.: Di Maio. A disp.: Pastena, Melcarne, Circiello, Vigorito, Perrella, Matarazzo.
Arbitro: Meraviglia
Reti: al 10′ pt Gambino (B), 22′ Iovene (V), al 40′ st Greco (B)
Note: Ammoniti Zaminga, Volpe, Iovene, Lolaico (V), Peschechera, Cacace (B). Espulso: Gambino (B) al 75′ per gioco scorretto; Recupero: 2′ – 3′.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!