Volley, parla mister Morelli: “Libertas, l’obiettivo è salvarci”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Alla vigilia dell’inizio del campionato di serie D femminile, a parlare delle aspettative e del grado di preparazione della propria squadra è Adriano Morelli, l’allenatore della squadra costiera Libertas Sorrento, capitata quest’anno  nel girone D.  A lui la parola.

Mister, quali sono le aspettative per questo nuovo campionato che è alle porte?

Dal momento che l’anno scorso avevamo una squadra con più esperienza e ci aspettavamo di essere promosse poiché  avevamo in rosa ragazze più preparate che, però, a causa di problemi sono venute meno mandando all’aria un campionato nel quale eravamo piazzati tra le prime postazioni,  per quest’anno, basandomi, appunto, su quanto successo precedentemente, voglio restare con i piedi per terra:  l’ obiettivo, quindi,  resta la salvezza.

Per il resto, abbiamo  formato altre due squadre, l’under 16 e l’under 14. Non abbiamo messo in piedi, invece,  la seconda squadra poiché le ragazze che hanno disputato la  Seconda Divisione lo scorso anno ho preferito farle fare direttamente il salto in prima squadra . Una scelta che, forse,  si sta rivelando  azzardata poiché ho affidato loro un compito impegnativo che, visti i risultati a dir poco deludenti delle amichevoli,  ancora non sono pronte a svolgere a causa di un carattere non molto forte.

 A che  percentuale di preparazione è, attualmente,  la squadra?

 Al  50%, soprattutto a causa di alcuni fattori negativi,  come la  paura di scendere in campo in alcuni casi: la pallavolo è un gioco, quindi nessuno deve torturarsi se non riesce ad ottenere subito risultati positivi. Allo stesso tempo, però, voglio avere a disposizione ragazze che mettano in campo passione e coraggio. Aggiungendo queste componenti e migliorando il gioco collettivo, potremmo salvarci tranquillamente.

Il primo match sarà in trasferta contro S. Maria Costantinopoli. Conoscete già questa squadra?

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sì, anche l’anno scorso sono state nostre avversarie. E’ una compagine che la scorsa stagione si è posizionata a centro classifica, ma ogni campionato è  diverso ed i valori di una squadra possono variare sensibilmente di anno in anno. Ciò non toglie che il risultato dipende esclusivamente dalle nostre prestazioni perché , se giochiamo bene,  gli avversari di certo non sembreranno imbattibili. Insomma, se uno gioca e da il massimo i risultati arrivano.

Alla luce della composizione del girone, c’è qualche squadra che temete particolarmente?

Il girone cambia di anno in anno:  di alcune  già conosciamo la struttura e, quindi, siamo consapevoli a  cosa andiamo incontro, mentre altre sono completamente nuove per  noi.  L’unica con cui incontreremo sicuramente qualche difficoltà sarà Battipaglia, con cui ci siamo battuti l’anno scorso per i play off .

Nel vostro girone è presente un’altra squadra costiera, l’Adp Carotenuto S.Agnello. E’ da temere come avversario ?

Essendo una  neopromossa  dalla Prima Divisione non dovrebbe rappresentare un grosso ostacolo. Se avessi avuto la squadra dell’ anno scorso avrei messo la mano sul fuoco per una nostra vittoria, ma su quella odierna non posso dire altrettanto. Nonostante ciò ci batteremo per ottenere un risultato positivo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!