Sant’Agnello, Guarracino:”Bene così”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Si accontenta del pari a denti stretti mister Guarracino

Si accontenta del pari a denti stretti mister Guarracino

“Se penso al rigore dico che ci è anche andata bene, se considero quanto fatto mi sale il rammarico”.
Antonio Guarracino da scafato conoscitore di calcio sa bene che un pizzico di fortuna ha seguito il suo Sant’Agnello contro l’Eclanese.
“Abbiamo sofferto in situazioni di gioco che conoscevamo bene, eppure a volte sembra che i giocatori stiano da un’altra parte”.
Sbotta il tecnico costiero che in tribuna è stato un vero e proprio fiume in piena.
Una tigre in gabbia che ha cercato in ogni modo di spingere con grinta e cattiveria i suoi alla vittoria.
“Nel secondo tempo abbiamo creato almeno quattro palle gol – analizza Guarracino -. Se a queste aggiungiamo anche le chance del primo tempo un po’ di magone sale”.
Un campionato che si annuncia difficile, tosto e che presto si spezzerà in due.
“Per me 6 andranno via e altre saranno in lizza per la salvezza”.
Era importante fare punti in casa Sant’Agnello perché alle porte ci sarà un novembre di fuoco.
“E’ vero – conferma Guarracino -. Virtus Scafatese, Faiano in casa loro che fuori vanno davvero bene, Cicciano e Sarnese fuori. Da brividi”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!