Esordio a lieto fine per la Gimel S.Agata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
KYDA, la mascotte della Gimel - ph. Gimel Polisportiva S.Agata ©

KYDA, la mascotte della Gimel – ph. Gimel Polisportiva S.Agata ©

Massa Lubrense – Esordio con vittoria (3 -2) per la Gimel S.Agata. Capitan Guadagnuolo e compagne regalano agli appassionati della Pulcarelli 2 pt., in una prima di campionato felice quanto combattuta. A pagare il conto è il Club Volley Saviano, che torna a casa con 1 pt. ed il primo tie break della stagione.
Le Gimelline tentano da subito il distacco. Qualche lacuna in ricezione tuttavia consente alle avversarie di rimettersi subito in gioco, 15-15. È adesso la compagine ospite a fare la voce grossa e le Biancoblu si lasciano sfuggire il primo set 22 – 25.
Aversa S . apre il secondo parziale con un attacco al centro. Lo scatto della squadra locale, ed un pallonetto della regista Aversa A., costringono ancora una volta il Saviano a chiedere il time-out  (10-6). Sul 18-18, si teme il medesimo epilogo del set precedente. Rispondono allora una fast di Casa (19-19) e due ace del martello Aversa C., ed è 25-21.
Black out biancoblu neI terzo capitolo della prima giornata di campionato di serie C. Il Saviano si aggiudica senza troppi sforzi il 14-25.
La storia ripete nel quarto set, ma con i protagonisti a ruoli invertiti. Si comincia dai centrali: ace per Aversa S. (4-2) e muro per Casa (5-2). Continua Mastellone, anche in questo match decisiva.  Si chiude 25-13, palla al centro per la seconda volta.
La Gimel spinge sull’acceleratore nel tie break. Anche i martelli hanno qualcosa da dire, Aversa C. sigla ancora 2 ace e Marciano non delude in attacco. Cade il pallone del 15-8 e la Pulcarelli esplode.
Una vittoria sofferta e non perfetta che tuttavia porta molta gioia in casa del presidente Tizzano. L’ultimo  successo all’esordio per la Gimel risaliva alla stagione 2010-11, anno della promozione in Serie C e dell’imbattibilità stagionale.
Il neo-coach Peppe Nica sorride per il risultato raggiunto, nonostante le sbavature: “Abbiamo avuto un andamento alterno. Abbiamo difeso bene, ma nel terzo set non abbiamo giocato. Dobbiamo crescere ancora in ricezione, sui palloni incerti e nella fase di contrattacco. Lavoriamo per velocizzare il gioco, per cui serve maggiore intesa tra palleggiatrice ed attaccanti, nonostante  le ragazze giochino insieme da diversi anni”.
La settima prossima le Gimelline sono attese in quel di Cava de’ Tirreni, forti della settima posizione in classifica.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!