Sorrento – Arzanese, i precedenti: l’ultimo incontro nel 1961

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il Sorrento dalla stagione 1959/60 (foto Abbate)

Il Sorrento dalla stagione 1959/60 (foto Abbate)

Quella di domani pomeriggio non sarà la prima volta dell’Arzanese allo stadio “Italia”. Spulciando nel nostro archivio abbiamo, infatti, trovato due precedenti risalenti ad oltre 50 anni fa, per l’esattezza alle stagioni 59-60 e 60-61, entrambi riguardanti i campionati di V serie, allora denominati Prima Categoria.

La prima sfida tra le due squadre si tenne il 27 settembre 1959 a Sorrento. L’Arzanese riuscì ad espugnare lo stadio “Italia” con una doppietta dell’ala sinistra Perlamagna che ribaltò il risultato dopo il vantaggio iniziale dei sorrentini andati a segno con Di Maio.
Questa partita è passata alla storia per un curioso aneddoto. Nell’incontro precedente con la Sibilla, il portiere titolare Michele Sellitti.  che in seguito sarà più volte eletto al parlamento tra le fila della Democrazia Cristiana , si era fatto cacciare dal campo rimediando una giornata di squalifica. Il secondo, Enrico Gargiulo, non era disponibile in quanto infortunato. Fu così che l’allenatore del Sorrento, Giuseppe D’Alessandro, fu costretto a giocare con l’attaccante Rosario Somma a difesa della porta.  Somma se la cavò egregiamente e il Sorrento avrebbe potuto conquistare tranquillamente i due punti se i suoi attaccanti non avessero fallito diverse occasioni. La rimonta dell’Arzanese fu facilitata dall’espulsione del terzino rossonero Carmine Scotti che aveva il compito di tenere a bada Perlamagna.
In quell’incontro tra le file del Sorrento giocava anche Franco Ronzi uno dei due presidenti dell’attuale Sorrento. Questa la formazione completa ritratta nella foto dell’articolo In piedi da sinistra: Di Maio, Umberto Cerasuolo, Rosario Somma, Antonio Pacifico, Ciro Iannucci. Accosciati: Antonio Cuomo (capitano), Carmine Scotti, Michele Orlando, Franco Ronzi, Franco Maresca, Antonio Chiariello.
La stagione seguente l’incontro interno con l’Arzanese si sarebbe dovuto giocare il 12 novembre ma fu rinviato causa pioggia. Quel giorno su tutta la Campania venne giù tanta di quell’acqua da far rinviare 7 delle 8 partite in programma. Si giocò solo l’incontro Aenaria-Libertas Vomero (2-0). L’incontro di recupero fu sospeso per lo stesso motivo dopo 30 minuti di gioco con il Sorrento in vantaggio per 1-0. Al terzo tentativo, il 29 dicembre 1960, si riuscì finalmente a portare al termine l’incontro. L’Arzanese passò in vantaggio ad inizio ripresa con Di Celmo, ma nel finale prima Michele Orlando al 71’ e poi Franco Maresca (soprannominato “il nonno”) all’86’ ribaltarono il risultato prendendosi la rivincita sulla stagione precedente.
Qui sotto il bilancio delle gare tra Sorrento e Arzanese
27.09.1959 Sorrento-Arzanese 1-2
10.01.1960 Arzanese-Sorrento 1-1
29.12.1960 Sorrento-Arzanese 2-1
12.03.1961 Arzanese-Sorrento 0-1
Partite disputate 4
Vittorie Sorrento 2
Pareggi 1
Vittorie Arzanese 1
Reti Sorrento 5
Reti Arzanese 4
Antonio Abbate 
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!