Eccellenza Coppa Italia: Il Sant’Agnello fuori ai rigori

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Sconsolato mister Guarracino dopo il ko ai rigori

Sconsolato mister Guarracino dopo il ko ai rigori

Vico Equense – Aveva un goal di vantaggio in trasferta la compagine di Guarracino che all’ultimo istante vede scipparsi la qualificazione al turno successivo.
Costieri costretti a rincorrere per l’arco della gara. I tigrotti passano con Schettino. La voglia sembra esserci, ma quando si giunge al pari grazie a Palladino cala l’attenzione e nel finale una rete di Di Ruocco manda tutto ai penalty.
Una rete al minuto 96 della Libertas manda le due squadre ai rigori. Fatali ai costieri gli errori di Palladino, Arcobelli ed Esposito.
“Perdere non fa mai bene anche perché si veniva dalla sconfitta di domenica – spiega il tecnico bianco azzurro -. Si rischia poi di cadere in un vortice di prestazione negative e si deve evitare”.
Un ko che brucia. In tanti vedono la Coppa come la chance per far crescere i propri ragazzi. Adesso ci sarà da utilizzare solo il campionato.
“Mi fa rabbia l’inconsistenza. Vedere gli stessi errori – commenta Guarracino -. Non dovrà più accadere e bisogna crescere in fretta. Adesso andiamo oltre e pensiamo al campionato”.

Sant’Agnello – Libertas Stabia 1-2
Marcatori: Schettino (L), Palladino (SA), Di Ruocco (L)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!