Ciclismo: Al Portico di Caserta Sbaratta chiude quinto

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Sbaratta quinto al Portico di Caserta

Sbaratta quinto al Portico di Caserta

Si chiude con un quinto posto per il Team Ciclistico Sorrentino l’esperienza al Portico di Caserta gara di chiusura per l’Udace. A piazzarsi è il passista Stefano Sbaratta che sul circuito di 5 chilometri da ripetere per ben 12 volte non riesce a staccare il pass per il podio. 60mila metri da percorrere tutti di un fiato e sempre a mille.
Pronti via e subito una fucilata della Rummo ravviva la sfida. Sbaratta risponde presente. I due guadagnano un bel vantaggio che lentamente raggiunge circa 45”.
A quattro giri dal termine il margine è raso al suolo da un gruppetto formato da Antonio Valletta, Roberto Cesaro, Ivan Giglio, Carmine Marotta e Gaetano Del Prete.
A 2 giri dal termine la svolta. Cesaro  e Del Prete ripartono come schegge su un tratto apparentemente facile, ma il distacco supera, immediatamente,  i 100mt.
Sbaratta cerca di tenere, ma resta isolato. 2500metri in solitaria sempre a 100metri di distanza dai fuggitivi e si sfianca. Sul tratto di pavé finale l’alfiere del Tcs viene infilato all’interno da Marotta e Giglio. Il gap non è colmato e Sbaratta chiude quinto.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!