Il Sorrento va in bianco e fa notizia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento_lameziaLa Casertana viola il campo Italia è lo fa con una prestazione solida da squadra consumata qual è.
Cinismo allo stato puro nonostante un roster composto da atleti con un curriculum lungo una vita.
Il Sorrento ci ha provato, ha dato tutto se stesso, ma ha trovato un avversario che lo ha fatto tornare “normale”.
Si “normale” come più di una volta Chiappino ha definito la sua squadra se non gioca con determinate scelte. Due tocchi, tagli, verticali e uno contro uno per spiazzare avversari ed allenatori.
Dopo 6 gare per la prima volta in stagione i costieri vanno in “bianco”. La media reti che scende a 1.8 a gara e quella difesa che non vuole saperne di oliare i meccanismi.
Non segna e fa notizia la truppa di Chiappino.
Squadra a cui i falchetti non hanno lasciato un metro, ma alla quale è mancato come l’acqua nel deserto la verve dei giorni migliori.
Non è riuscita a sfondare sugli esterni la compagine rossonera. In difficoltà nel perforare centralmente anche in virtù del campo stretto, i costieri sono tornati negli spogliatoi con le pive nel sacco.
Un sacco che è comunque leggero da portare. Non perché la sconfitta non pesi, ma perché giunta contro un team costruito per vincere.
La grinta messa in campo sino all’ultimo secondo fa capire che il gruppo c’è, la voglia anche, adesso serve anche quel pizzico di fortuna che non guarda mai dalla parte giusta.
Non sarà stato scintillante nei suoi interpreti, Maiorino su tutti, ma almeno quattro palle goal a referto il Sorrento le mette.
Il palo, quello dell’ex Vicenza, avrebbe indirizzato il match in un altro modo. Avrebbe ferito la Casertana in cerca di se stessa e dato entusiasmo a tutti.
Il peso specifico del tiro finito sul fondo di Esposito non deve gravare sul ragazzo, ma di certo si chiedeva di più.
E’ apparso il vizietto: palla lunga. L’unica cosa che a Chiappino non è andata giù.
Se i costieri masticano amaro per la voglia di voler fare anche nelle difficoltà, il trainer spera di recuperare quanto prima Chinellato. L’ex Reggiana potrà contribuire a far tirare il fiato ad un Improta apparso spento e forse modificare anche le giocate che saranno utili quando tutti conosceranno il modo di giocare dei rossoneri.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!