Massa Lubrense, Gargiulo: “La differenza con la Sarnese? La qualità”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Il commento di mister Gargiulo nel post Sarnese

Il commento di mister Gargiulo nel post Sarnese

“Perdere così contro questa squadre fa meno male”.
Sono queste le prime parole di mister Gargiulo al termine della sfida contro la Sarnese.
Il Massa resta mestamente ultimo in classifica con una serie di problemi da risolvere. Primo fra tutti il goal.
Una rete che è giunta solo su rigore e che poteva essere bissata. Sarnese cinica e spietata. Tre reti e tre punti senza colpo ferire.
“Non sono queste le gare che mi fanno paura. L’intensità è stata quella giusta dall’inizio alla fine. Peccato per quello che abbiamo combinato”.
La partenza dello scorso anno è solo un ricordo. Il testa a testa contro Vico Equense e Torrecuso lontano anni luce dall’ultima piazza.
“Io son stato onesto con tutti ho sempre detto che era difficile ripetersi, ma non sono stato smentito”.
Netto e chiaro Gargiulo che ringrazia anche la società.
“Posso solo dire grazie a tutti i dirigenti che ci ovattano dalla situazione che stiamo vivendo – conclude il tecnico nero azzurro -. Nella gara contro la Sarnese la differenza l’ha fatta la qualità”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!