Massa, troppi errori. La Sarnese ringrazia e vola in classifica

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massa Lubrense – Non sono arrivati i primi punti in classifica per la squadra di Gargiulo. Non era la partita migliore per provarci forse, contro una Sarnese che lotta per i piani alti della classifica e che ha dimostrato di giocare in modo ordinato e cinico, come fanno le squadre forti. I gl degli ospiti, però, sono frutto di errori individuali pesanti nell’economia della partita. Errori che nascono da spostamenti in campo determinati dalle tante, troppe assenze che hanno segnato l’inizio del campionato massese.
Cantilena piazzato a sinistra, Cappiello difensore centrale, un Apuzzo boa d’attacco che non ha ricevuto palloni giocabili nè ha giocato a dovere quei pochi avuti a disposizione, insomma una squadra incerottata che vive un momento difficile.
Nel primo tempo, iniziato con mezz’ora di ritardo a causa della nebbia che aleggiava sul Cerulli minacciosa e densa, il Massa non s’è visto. La partita non ha offerto grandissime emozioni fino al momento del vantaggio della Sarnese, arrivato al 15′ con un gol di Ienniello su assist di Savarese, facilitato da una errata valutazione di Cantilena sull’asse mancino. Palla al centro e sinistro al volo per la rete ospite che ha gettato subito nello sconforto il Massa. per alcuni minuti, complice il campo scivoloso e pesante, la gara si è trasformata in una battaglia a centrocampo, con interventi duri e palle spazzate via malamente.
Nulla di nulla fino all’improvviso lampo del Massa, che al 44′ ha portato davanti al portiere Apuzzo, bravo a difendere il pallone contro i difensori ospiti e a correre verso la porta. A bloccare la sua corsa il portiere avversario che fuori area placca platealmente l’attaccante nerazzurro che crolla a terra. La palla è finita a Cacace, cinque metri più dietro, in posizione non vantaggiosa per cercare il tiro ma ciò non ha fatto desistere l’arbitro dall’assegnare il vantaggio ai padroni di casa, quando avrebbe dovuto punire con una punizione dal limite e almeno con il cartellino giallo l’intervento del portiere. Tra le proteste del pubblico, la palla è subito schizzata dal lato opposto. Cantilena ha chiuso in maniera errata ancora una volta e Savarese ne ha approfittato calciando a rete la palla del due a zero, sulla quale pesa come un macigno l’errore clamoroso dell’arbitro che dopo un minuto di recupero ha mandato tutti negli spogliatoi.
Nel secondo tempo il Massa si è presentato in campo con un piglio diverso e dopo due minuti ha usufruito di un rigore per fallo su De Gregorio. Cappiello ha dimezzato lo svantaggio aprendo un’altra partita. Il Massa certo non ha fatto moltissimo per pareggiare, ma ha giocato un buon calcio. Nel momento migliore però, la Sarnese ha affondato il colpo, approfittando ancora di un errore difensivo di Apreda. A beneficiarne Maggio che ha messo a segno il tris. Partita praticamente chiusa. Con orgoglio il Massa ha cercato di trovare ancora la via del gol e al 46′, durante il primo di cinque minuti di recupero, ha avuto l’occasione di tenere alta la bandiera nerazzurra con un altro rigore, stavolta per fallo su Cestaro. Sul dischetto ancora Cappiello che ha calciato di potenza trovando la personale doppietta. L’arbitro, però, chiudendo una giornata da 3 in pagella, ha fatto ripetere il tiro. Cappiello, certamente innervosito, ha scelto di calciare con uno scavino venuto fuori malissimo, col portiere pronto a smanacciare fuori. Conclusione nerissima di una giornata ancora difficile. C’è tempo, il campionato è lungo, ma bisogna ritrovare entusiasmo, qualche indisponibile, e la convinzione di poter far ancora bene.

Massa Lubrense: Fiorentino, Apreda, Cantilena, Cappiello, De Luca, Cestaro, De Gregorio (dal 40’ st Palomba), Gargiulo V. (dal 36’ st Chierchia), Apuzzo, Cacace, Volpe. All.: Gargiulo. A disp.: Iaccarino, Buonocore, D’Auria, Di Palma, Gargiulo.
Sarnese: Napolitano, Amoruso, Testa, Esposito, De Cesare, Pallunetto, Adiletta , Di Capua, Maggio (dal 45’ st Squitieri), Savarese, Ianniello (dal 37’ st Nasto). All.: Vitter. A disp.: Castagna, Robustelli, Suarato, Ferraro.
Arbitro: Robilotta (Sala Consilina)
Marcatori: Ianniello (S) al 15’ pt, Savarese (S) al 45’ pt, Cappiello (M) al 3’ st, Maggio (S) al 16’ st.
Note: Tempo nuvoloso, pioggia e nebbia a tratti. 50 spettatori. Al 46’ st Cappiello (M) si fa parare un rigore da Napolitano. Ammoniti Esposito, Ianniello (S), Volpe (M). Angoli 1-1, Recuperi 1’ pt – 5’ pt.

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!