Sorrento – Casertana 0-1, Chiappino mastica amaro: “Non meritavamo la sconfitta”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Mastica amaro il tecnico Luca Chiappino (Foto Galano)

Mastica amaro il tecnico Luca Chiappino (Foto Galano)

Il Sorrento di mister Chiappino non riesce ad allungare la scia di risultati utili  consecutivi e cade vittima di una  Casertana scesa in campo con tanta voglia di riscattarsi. Una prestazione ben lontana da quelle che hanno reso protagonisti i costieri contro Poggibonsi ed Aversa Normanna:  “Non siamo partiti con il piede giusto, troppo timorosi  – sono le dichiarazioni del tecnico – nonostante ciò siamo riusciti a creare ben tre occasioni per siglare la rete del vantaggio: un palo e il successivo colpo di testa di Maiorino  finito di poco alto sulla traversa,  avrebbero potuto condurre la gara su un’altra strada. E invece ci siamo fatti sorprendere prendendo un gol da rimessa laterale”. Prevale il rammarico per aver perso una partita che poteva almeno finire in pari. D’altronde gli avversari non sono stati perfetti, come dimostrano le poche occasioni create dai rosso-blu. “Ai miei ragazzi non posso rimproverare nulla, certo non sono stati brillantissimi come nelle ultime partite, ma hanno comunque messo in campo tutto ciò che avevano. Non hanno mai smesso di lottare e questa è un’ottima base da cui ripartire”. Una sconfitta che cambia poco o nulla  dunque: “Ovviamente ci tenevamo a non perdere in casa ma non può essere considerata una battuta d’arresto.  Anzi, oggi abbiamo affrontato una squadra forte, motivata e molto astuta che ha avuto le capacità di fermarci chiudendo tutti gli spazi”. I troppi infortunati hanno messo in difficoltà il mister che ha schierato un undici dal reparto difensivo completamente rivoluzionato, questa e diverse altre circostanze hanno influito negativamente sulla prestazione del gruppo: le difficoltà dovute al forte vento, l’esperienza dell’avversario e l’infortunio di Danucci allo scadere del primo tempo sono stati i principali  motivi della disfatta. Resta comunque il dato di fatto che la truppa rossonera si trova ad affrontare un campionato particolarmente difficoltoso, la classifica è corta e tutto può accadere: “Bisogna lottare fino alla fine”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!