Sorrento, Catania “chiama” i tifosi: “Il vostro supporto è importante”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Emanuele Catania (foto Criscuolo)

Emanuele Catania (foto Criscuolo)

“Siamo ancora rammaricati per i punti persi ad inizio anno”. La firma è quella di Emanuele Catania.

Una dimostrazione di fame da parte del gruppo che sa bene di dover lavorare per recuperare quanto perso nelle prime due gare: “Non aver fatto punti con il Lamezia dopo quel primo tempo ancora brucia – spiega l’ex Avellino -. Meritavamo di certo di più per la prestazione fornita”.

Una compagine giovane che punta molto sul gioco: “ La nostra è una squadra che deve giocare al calcio – analizza Catania -. Se non ci riusciamo diventiamo un team normale”. Sarà l’esperienza, sarà l’ambiente o le porte chiuse, ma a Sorrento tutti si son calati nella parte. Un lavoro certosino quello di Pitino e Chiappino in estate che ha portato uomini di valore prima di calciatori di livello: “Per me siamo costruiti bene per qualità di giocatori. Adesso giochiamo un buon calcio e ci riesce anche bene”.

Una rosa mista tra ragazzi usciti dalle Primavera ed over che hanno alle spalle campionati di categoria ad alti livelli. Proprio sui ragazzi si fonda la spinta in più che i vecchietti hanno per continuare su determinati livelli: “Noi abbiamo dei ragazzi tra i migliori della categoria e tutti cerchiamo di remare dalla stessa parte per ottenere l’obiettivo che ci siamo prefissati ad inizio stagione”.

Un gruppo che ha alle spalle un grande timoniere. Chiappino sta conquistando tutti. Giocatori, società, stampa e tifosi: “Ci ha dato tanto e ci chiede tanto sotto l’aspetto tattico e tecnico – commenta Catania -. Facciamo sempre quello che ci chiede. Dobbiamo continuare a migliorare tanto perché ne abbiamo le possibilità”.

Alla vigilia di un match delicatissimo contro la Casertana anche Catania chiede l’aiuto dei tifosi: “E’ importante anche il loro supporto. Siamo sempre contenti quando ci seguono -. Loro sono costruiti per vincere, ma noi vogliamo dare una gioia ai nostri supporter e continuare a lavorare e fare le cose sottovoce”. Contro i falchetti c’è chi si aspetta una sua rete: “Mah! Goal o no io se perdo mi “incazzo” posso anche segnare tre goal – conclude l’esterno offensivo -. Tutti dobbiamo calarci nella parte che il bene di squadra viene prima di tutto. Con questa mentalità si arriverà lontano”.

Josè Astarita

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!