Sorrento: Arriva la Chiappino’s land

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Pitino e Chiappino il duo che costruito il Sorrento

Pitino e Chiappino il duo che costruito il Sorrento

Non è Zemanlandia, ma il Sorrento davvero ci va vicino.
E’ la famosa “Chiappino’s land”.
Il Sorrento fa punti segna tanto, becca goal, ma dimostra di potersela giocare contro tutto e tutti.
Le prime due uscite avevano fatto intravedere qualche cosa, ma i risultati peccavano a giungere.
Una squadra che ricorda tanto quelle del maestro boemo.
Nessun contatto tra i due nel corso della carriera a differenza di quanto era avvenuto per Bucaro, allenato da Zeman a Foggia, a cui nella passata stagione erano mancati anche gli elementi richiesti.
I rossoneri giocano un calcio piacevole fatto di ritmo, tagli e goal.
Sembra di riproporre la spregiudicatezza del primo Foggia quando Rambaudi, Signori e Baiano facevano ammattire le retroguardie avversarie.
Gli interpreti sono Catania, Improta e Maiorino.
Sebbene l’Italia sia stretto il gioco sugli esterni cresce e si vede. Per informazioni rivolgersi al Poggibonsi.
Le reti giungono a grappoli. 11 in appena 5 uscite. Una media di poco superiore alle 2 fatte a partita.
Maiorino che viaggia a gonfie vele nella graduatoria dei marcatori: 4 gol. Catania lo segue a ruota.
Ad Aversa un nuovo segnale: segnano anche i centrocampisti.
Due reti per Lettieri, una per Coppola. Insomma alla sagra del gol partecipano proprio tutti.
Salta all’occhio la differenza reti: +2.
La difesa balla. Sono nove le reti al passivo per la truppa di Chiappino.
L’essere sempre pronti a dar battaglia a centrocampo non scopre la retroguardia che ha subito su azione 6 dei 9 gol.
Su palla inattiva le passività recitano: 3 reti.
Tre i rigori al (2gol, 1 sbagliato), tutti tra l’altro procurati da Benci che ha disputato un ottimo match contro l’Aversa, e una punizione.
Il tecnico non è mai sazio. Anche dopo il primo derby ha trovato qualche pecca: gestione della gara, ma inizia a intravedere il percorso giusto.
Una squadra che una volta messa a punto la copertura degli spazi arretrati potrà far divertire sempre di più i propri tifosi adesso più che mai pronti a sostenere, con calore crescente, la giovane truppa messa su in estate dal duo Pitino-Chiappino.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!