Di Maio: “Saremmo stati masochisti a concedere il gol”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vico Equense – Tre vittorie in casa in tre partite. 10 punti in classifica in cinque gare, bottino di tutto rispetto per una squadra che due mesi fa neanche esisteva. Il lavoro della dirigenza e del tecnico Di Maio in queste prime gare è stato importante e i risultati stanno cominciando ad arrivare. L’allenatore si mostra soddisfatto dopo la vittoria per 2-0 con il Francavilla: «Abbiamo ancora qualche problema e sapevamo di dover lavorare tanto, oggi nel secondo tempo abbiamo cercato di chiudere gli spazi e abbiamo creato noi occasione a loro. Se avessero segnato saremmo stati masochisti». Il riferimento è all’errore di Maraucci che ha mandato in porta Sperandeo e poteva costare il pareggio al Vico. Un episodio, comunque, in una partita ordinata ma soprattutto un errore da cui imparare per le prossime gare.
La vittoria con il Francavilla è stata caratterizzata dalla prima rete di Russo con la maglia del Vico, una rete attesa da tifosi e dirigenti, ma anche dalle ottime prestazioni di alcuni singoli, anche se il mister preferisce sempre mettere l’accento sul gruppo: «Io preferisco parlare del gruppo, ma se Giulio si sblocca ci fa piacere, arriverà anche il momento di Martone, i sacrifici verranno premiati e ci sarà spazio per tutti, anche per chi ora sembra in difficoltà».
L’aria dei piani alti della classifica non fa mancare però ossigeno al trainer della compagine del patron Gaglione, apparso nuovamente sorridente al termine della terza gara casalinga, convinto maggiormente della scelta di venire a far calcio in penisola sorrentina. Guidone in una intervista al sito ufficiale della società aveva alzato l’asticella del campionato vicano, ma Di Maio resta saldamente con i piedi per terra, pur consapevole delle potenzialità del suo gruppo: «Noi non dobbiamo fare chissà che campionato, abbiamo iniziato con il piglio giusto e vogliamo giocare così tutte le gare. Se più avanti ci trovassimo in certe situazioni sicuramente ce la giocheremmo senza paura».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!