Sorrento ecco il circo in cui ognuno fa la sua parte

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

CanottoSono tre punti dal peso specifico notevole per il Sorrento quelli conquistati contro il Poggibonsi. In un sol colpo vengono cancellati gli spettri delle prime due sfide della nuova stagione e si cresce in convinzione e condizione.
Un gruppo che si forma con le indicazioni giuste. Quando, al terzo del secondo tempo, Maiorino mette la sfera nel sette, si volta subito, cerca Benci e corre ad abbracciarlo. Un segnale chiaro per tutte le prossime avversarie: il gruppo c’è.
Sebbene il campo sia stretto e diverso dalle solite strutture, i costieri giocano sugli esterni come un’orchestra esegue uno spartito a menadito. Maiorino e Catania sono indemoniati e per il Poggibonsi è notte fonda.
Deve, però, sudare le proverbiali sette camice il gruppo di Chiappino che ancora una volta si fa recuperare, rischia la rimonta e si divora l’impossibbile.
Una squadra dal piglio spregiudicato della giovinezza. Sfacciata contro tutto e tutti che corre meglio, cerca le verticali senza lanciare mai a casaccio.
Con l’innalzamento dell’età media cresce il rendimento di tutti. Si è passati dai 23.1 della prima ai 24.5 di ieri.
Solida come un abbraccio forte, la squadra si stringe intorno a Benci (tre rigori in tre gare). Il difensore rischia di combinarla grossa in chiusura di primo tempo ed in apertura di ripresa, poi la perla di Maiorino fa capire che qualche cosa è cambiato.
La gioia c’è ed è evidente. 4 punti in due gare rilanciano i costieri, fanno aumentare l’autostima e la voglia dei tifosi di continuare a sostenre quella gloriosa maglia.
Un circo nel quale i giocolieri (Maiorino e Catania) mettono in mostra le loro armi migliori, il domatore (Danucci) sfodera una prestazione di calma e oculatezza, mentre i leoni toscani sbattono contro l’uomo di gomma (Villagatti). Il direttore (Chiappino) si gode l’incasso (3punti)e guarda avanti con consolidata fiducia.

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!