Cosenza – Sorrento 1-1, l’analisi di Chiappino: “Noi troppo spreconi”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Luca Chiappino

Luca Chiappino

Un passo avanti, soprattutto sotto il profilo del risultato. Luca Chiappino, al termine della gara pareggiata con il Cosenza del collega Cappellacci, sottolinea il valore della prestazione dei suoi uomini, in linea con quelle espresse contro Vigor Lamezia ed Aprilia. Di diverso, rispetto alle prime due gare, c’è che finalmente il Sorrento ha cominciato a muovere la classifica. Ma, nonostante l’ottimo punto conquistato in un “San Vito” popolato da oltre 4mila cuori rossoblu, un tarlo assilla Chiappino: la mole enorme di occasioni da gol sciupate.

Di seguito, le dichiarazioni rilasciate dall’allenatore rossonero ai colleghi del portale www.nuovacosenza.com:

Non mi piace recriminare sui risultati. Lo sport è fatto così: quando meriti di vincere, non vinci e quando meriti di perdere, non perdi. Sicuramente oggi abbiamo raccolto poco rispetto a quanto prodotto, ma è fondamentale aver cominciato a fare punti.

L’importante per noi era venire al “San Vito” e continuare sulla falsariga delle prime due partite che, sebbene ci hanno visto sconfitti, sotto il profilo della prestazione erano state ottime. La differenza di oggi sta solo nel risultato: anche contro Vigor Lamezia e Aprilia siamo scesi in campo con lo spirito giusto, cioè quello di giocare sempre a calcio. Nelle precedenti uscite abbiamo pagato il fatto di essere stati costretti a schierare calciatori importanti arrivati a pochi giorni dalla gara che non sono riusciti a reggere i ritmi per tutti i novanta minuti di gioco. L’altro passo in avanti è sotto il profilo mentale: oggi, dopo il loro vantaggio, abbiamo continuato a giocare, senza sparire dal campo.

Quello che mi rammarica è che oggi abbiamo esagerato nello sprecare le occasioni, anche molto semplici, per vincere questa partita. Il Cosenza non ha demeritato né ci ha regalato opportunità: abbiamo costruito tutto noi, non ci sono stati errori individuali dei nostri avversari”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!