Iovene superlativo: “Dedico il gol a mio figlio”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Foto di repertorio dell'uomo partita di Vico Nardò, Vincenzo Iovene

Foto di repertorio dell’uomo partita di Vico Nardò, Vincenzo Iovene

Vico Equense – Di Maio si era prefissato di far tornare in campo lo Iovene che aveva dato spettacolo alla Turris e che aveva già calcato l’erbetta del Massaquano e la partita di oggi dice che il compito è stato svolto senza incappare in errori. Vincenzo Iovene contro il Nardò ha dato spettacolo ed ha firmato con la rete del momentaneo pareggio la vittoria del Vico. «Abbiamo fatto una buona prestazione – commenta il numero 10 – abbiamo dimostrato di saper giocare a calcio ma dobbiamo lavorare ancora tanto». Poche parole, sguardo sorridente e timido e i lucciconi agli occhi quando esprime la sua gioia più grande, tatuata sul braccio e sul cuore. «Sono felicissimo per il gol, non segnavo da un anno e voglio dedicarlo a mio figlio che ha proprio un anno».
Dopo aver espresso il suo affetto, l’attaccante torna a parlare di campo: «Non mi aspettavo una partenza così perchè siamo partiti tardi con la preparazione, stiamo lavorando tanto per crescere ancora, ma il nostro obiettivo principale è la salvezza».
Il risultato di oggi, comunque, dimostra che il pareggio a Taranto non è arrivato per caso. Il Vico si è dimostrato organizzato, coriaceo e cinico, capace di ribaltare la partita pur sotto pressione: «Non dobbiamo fermarci al risultato di Taranto o a quello di oggi, partita dopo partita in questa categoria è guerra. Noi ci impegneremo al massimo e daremo sempre del nostro meglio».

©Riproduzione Riservata

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!