Gran Vico contro il Nardò: 3-1 meritato ai pugliesi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Foto di repertorio dell'uomo partita di Vico Nardò, Vincenzo Iovene

Foto di repertorio dell’uomo partita di Vico Nardò, Vincenzo Iovene

Vico Equense –  Il Vico dà seguito alla bella prestazione di Taranto e con una gran partita stende un Nardò volenteroso ma poco concreto. E’ subito spettacolo in campo; dopo alcuni minuti di studio la sfida viene aperta dalla rete del bravo Corvino all’11’, con un colpo di testa su cross dell’a tratti imprendibile Keyta. Il Vico non subisce il colpo e riesce subito a reagire con Iovene che al 15’ da azione d’angolo trova il colpo di testa vincente, lasciato solo dalla retroguardia pugliese.
La partita a quel punto diventa bellissima, ricca di capovolgimenti di fronte e di occasioni ma è il Nardò con Cammarota e ancora Corvino a trovare le chances migliori per riportarsi in vantaggio. In pieno recupero una magia di tacco di Russo che fa andare in brodo di giuggiole il Massquano libera ancora il furetto Iovene che viene steso da un intervento scomposto di Fumarola: Mantelli indica il dischetto senza troppi dubbi. Coppola, freddissimo, gela Passaseo con un destro preciso.
Nella ripresa il Nardò non riesce a superare la cortina di ferro sistemata da mister Di Maio davanti alla porta ben difesa da Apuzzo e i padroni di casa riescono a trovare  anche il terzo gol al 22’ con il neo entrato Volpe, subito incisivo, che raccoglie  di testa un tiro di Iovene stampatosi sulla traversa dopo una irresistibile serpentina sulla sinistra. La reazione dei pugliesi, dopo qualche tentativo da fuori e da punizione dal limite, è in una incursione di Corvino che termina sul palo alla sinistra del numero uno vicano, ma non basta. Il Vico si prende tre punti importantissimi e fa sognare i tifosi che hanno vissuto un pomeriggio di gran calcio e già pregustano un campionato di qualità.

REAL VICO – NARDO’ 3-1

MARCATORI: Corvino (N) 11’ pt, Iovene (V) 15’ pt, Coppola (V) rig. 46’ pt, Volpe (V) 22’ st.
REAL VICO (4-3-3): Apuzzo 6, Maraucci 6, Lolaico 5,5, Vigorito 6,5, Ansalone 6; Cirillo 6 (dal 24’ st Biondi 6), Corsale 6, Coppola 6,5; Mennella 6 (dal 7’ st Volpe 6,5), Iovene 7,5 (dal 18’ st Matarazzo 6), Russo 7. All.: Di Maio 6,5. A disp.: Giuffredi, Circiello, Oriunto, Piccolo, Martone, Trofa.
NARDO’ (4-4-2): Passaseo 5,5, Fumarola 5 (dal 18’ st Rescio sv), Zaminga 5,5, Calabuig 5,5, Keyta 6,5;  Taurino 5, Cammarota 6, Orlando 5,5 (dal 1’ st Prinari), Giannuzzi 5; Corvino 7,5, Volpicelli 5 (dal 43’ st Bruno sv). All.: Serio 5,5. A disp.: Renna, Antico, Gigante, Chiarelli, Mariano, Balzano.
ARBITRO: Mantelli (Brescia)
NOTE: 250 spettatori di cui 30 da Nardò. Ammoniti Ansalone, Mennella, Iovene, Volpe (V). Angoli 2-5 per il Nardò. Recupero: 2’-4’.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!