Ad Erice Venanzio punta alla vetta

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Salvatore Venanzio va in Sicilia con il chiaro intento di puntare in alto

Salvatore Venanzio va in Sicilia con il chiaro intento di puntare in alto

Tutto pronto per la 11ª edizione dello Slalom dell’Agro Ericino.
La prova è inserita nel calendario del Campionato Italiano e giunge quando al termine della stagione restano solo quattro appuntamenti.
Sui 4mila metri del nastro d’asfalto che porta verso il Monte Erice si punta forte in casa Radical – Autosport Sorrento sul costiero Salvatore Venanzio.
Nell’arco di questa stagione il driver della terra delle sirene ha dato filo da torcere a Emanuele e Manganiello. In tre si giocano il successo assoluto. Solo tre punti a divedere i piloti che cercheranno di far valere le qualità dei loro mezzi.
Quattro chilometri nei quali si cercherà di dare fondo al pedale del gas e a tutte le qualità del mezzo a disposizione.
Osella, X1/9 e Radical l’un contro l’altra rombanti per consentire quel piccolo balzo in avanti in classifica in vista del rush finale.
Il tracciato siciliano è lo stesso della competizione che porta nell’isola le performanti vetture del CIVM (Campionato Italiano Velocità Montagna).
Breve e tortuoso richiederà a tutti i guidatori in gare grosse abilità per primeggiare.
Il fondo scivoloso metterà a dura prova i nervi e gli pneumatici delle vetture. Un fattore di cui tenere conto per Venanzio impegnato nella rincorsa al tricolore.
Il pilota delle terre delle sirene ha l’importante chance di riavvicinare se non sorpassare il duo Emenuele – Manganiello. La Radical sta fornendo prestazioni al top. Il “manico” e l’esperienza accumulata nel corso degli anni hanno permesso a Venanzio di battagliare alla pari con vetture più potenti. Adesso la parola passa all’asfalto e ai birilli da sempre giudici supremi della disciplina.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!